/ I sistemi missilistici russi S300 "fanno venire i nervi" ai pilot...

I sistemi missilistici russi S300 "fanno venire i nervi" ai piloti statunitensi in Siria

 

Il comandante della Difesa aerea russa ha rivelato che i sistemi missilistici russi hanno ripetutamente "accompagnato" gli aerei militari statunitensi da distanze fino a 300 chilometri.


Nell'ambito delle operazioni delle forze aerospaziali russe in Siria, i sistemi missilistici russi guidati S-300V4 hanno scoperto e puntato "ripetutamente" gli aerei spia e bombardieri statunitensi, ha rivelato il comandante del Difesa antiaerea russa, Alexandr Leonov al quotidiano 'Izvestia'.
 
Nonostante le "cause di forza maggiore" che non hanno impedito il funzionamento di queste attrezzature militari, le strutture di lancio dei missili russi "hanno scoperto e accompagnato solidamente gli obiettivi", ha spiegato Leonov.

 
Secondo il comandante, i piloti dell'aviazione tattica degli Stati Uniti "reagirono molto nervosamente" quando sono stati "accompagnati" dai sistemi di difesa antiaerei russi da distanze di 200 a 300 chilometri.
 
I sistemi russi S-300V4 sono stati dispiegati in Siria nell'ottobre 2016, con l'obiettivo di difendere la base aerea di Kmeimim e la base di rifornimento russa a Tartús. Sono tornati in Russia nel giugno 2017.
 
Fonte: Izvestia
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa