"Bomba sporca". Mosca: abbiamo esatte informazioni sulla provocazione pianificata da Kiev

"Bomba sporca". Mosca: abbiamo esatte informazioni sulla provocazione pianificata da Kiev

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Il Ministero della Difesa della Federazione Russa ha dichiarato di avere esatte informazioni su una provocazione pianificata dall'Ucraina: la detonazione della "bomba sporca" o arma radiologica. La dichiarazione oggi, dal capo delle truppe delle Forze Armate russe per la protezione nucleare, biologica e chimica, generale Igor Kirillov.

"Lo scopo della provocazione è accusare la Russia di utilizzare armi di distruzione di massa nel teatro delle operazioni in Ucraina e lanciare così una potente campagna anti-russa nel mondo volta a minare la fiducia in Mosca, ha detto il generale russo. I lavori in Ucraina per la creazione della “bomba sporca” sono portati avanti da due organizzazioni e si trovano già allo stadio finale. Mosca ha anche precise informazioni sui contatti in corso fra l’ufficio di Zelenskij e i rappresentanti della Gran Bretagna al fine di ottenere le tecnologie per creare l’arma nucleare. Per questo l'Ucraina ha la base di produzione e il potenziale scientifico adeguati.

Kirillov ha poi aggiunto: "vorrei ricordare che la bomba sporca rappresenta un contenitore con isotopi radioattivi e una carica esplosiva. Quando la carica viene fatta esplodere, il contenitore viene distrutto e la sostanza radioattiva viene spruzzata da un’onda d’urto, creando contaminazione radioattiva su vasti territori e può anche portare all'insorgenza di malattie da radiazione. Come sostanza radioattiva può essere utilizzato l’ossido di uranio che è presente nella composizione degli elementi di combustibile esaurito, conservati negli impianti di stoccaggio del combustibile nucleare esaurito e nelle piscine di combustibile esaurito delle centrali nucleari. Inoltre, possono essere utilizzate sostanze radioattive provenienti dai depositi del combustibile nucleare esaurito della centrale nucleare di Cernobyl.

Secondo i piani di Kiev, la detonazione di tale munizione può essere mascherata come un funzionamento anormale di un'arma nucleare russa a bassa potenza, in cui l'uranio altamente arricchito viene utilizzato come carica.

Vale la pena ricordare che simili tecnologie di guerra dell'informazione sono già state utilizzate dall'Occidente in Siria, quando i Caschi Bianchi hanno girato lì il video di propaganda sull'uso di armi chimiche da parte delle forze governative.

La situazione è seria se il ministro della Difesa russo Serghej Shojgu ieri ha chiamato i suoi omologhi Sébastien Lecornu in Francia, Hulusi Akar in Turchia, Ben Wallace nel Regno Unito, per metterli al corrente della pericolosa situazione; è stato il loro secondo colloquio in una settimana e il terzo dal 24 febbraio. L’AIEA, l’Agenzia internazionale per l’energia atomica dovrebbe presto fare, secondo i siti telegram russi, una dichiarazione sulla situazione degli impianti nucleari in Ucraina.

In Italia invece esperti di geopolitica affermano che «Zelensky sta lentamente guadagnando terreno quindi non avrebbe alcun interesse a utilizzare un ordigno che gli alienerebbe ogni aiuto dell’Occidente. La bomba sporca? Un atto terroristico che infetta le prove di dialogo fra Kiev e Mosca, è una fake news di Mosca» Le "prove di dialogo", dite? E dove le avete viste, nei sogni? Fake news di Mosca, dite? Il generale Kirillov ha avvertito anche su questo pericolo: " Vorrei ricordare la probabilità che si possa sviluppare una complessa situazione di radiazioni attorno alla centrale nucleare di Zaporozje, la più grande centrale nucleare d'Europa.

Dal 24 febbraio ad oggi, il territorio della centrale nucleare è stato oggetto di 39 attacchi di fuoco da parte delle forze armate ucraine, di cui 10 con veicoli aerei senza pilota e 29 con vari sistemi di artiglieria. (Prendete nota, pennivendoli italiani, che sostenete la fake news che la Russia si bombarda da sola la centrale nucleare di Zaporozje da essa stessa presidiata!) Ma non lo scriverete! Prosegue Kirillov: " Ma questi bombardamenti della centrale nucleare non hanno destato preoccupazione nella comunità mondiale, poiché, secondo la conclusione di numerosi esperti americani, il rischio di diffusione delle radiazioni quando i proiettili di artiglieria di grosso calibro colpiscono i contenitori di combustibile nucleare esaurito, sarebbero insignificanti e i reattori nucleari potrebbero resistere alla caduta di un aereo civile. Tuttavia, la previsione dell'evoluzione della situazione radiativa effettuata dai nostri specialisti, successivamente confermata dalle pertinenti organizzazioni scientifiche europee, ha mostrato che il rilascio di sostanze radioattive riguarderebbe quasi tutta l'Europa" - ha concluso il generale russo Kirillov.

Oggi il capo di stato maggiore delle forze armate russe Valery Gerasimov ha avuto una conversazione telefonica con il capo di stato maggiore degli Stati Uniti Mark Milley.

Mosca si dà da fare al massimo per scongiurare ulteriori tragedie umanitarie, continua a suonare il campanello d'allarme a più non posso. Chi è pronto a prestarle orecchio?

Poco fa il ministro degli esteri russo Serghej Lavrov ha dichiarato: "Le smentite, senza addurre fatti, dei nostri "colleghi occidentali" che tutto ciò sia frutto della nostra immaginazione e che la stessa Russia pianifichi di fare qualcosa di simile per incolpare in seguito il regime di Zelensky, non è una conversazione seria. Alcuni dei nostri interlocutori si sono offerti di discutere ad alto livello le informazioni di cui disponiamo. Questo è l'atteggiamento che approviamo. Mosca chiede a Kiev di fermare le azioni provocatorie di preparazione della "bomba sporca" e agli sponsor occidentali chiede di "mettere in riga" i suoi protetti. È sconsiderato ignorare gli avvertimenti di Mosca sulla possibile provocazione nucleare di Kiev: l'Occidente non dovrebbe misurare la larghezza della linea rossa"- ha dichiarato il ministero degli Esteri russo.

In Italia invece fanno orecchie da mercante. Nessuna preoccupazione, nessuna reazione alle parole di Mosca da parte dell’Occidente, Italia, Europa…tutti insieme beatamente uguali a difendere la povera Ucraina “aggredita da Mosca”, disprezzando le sue parole di avvertimento. Insomma, "va tutto bene"!

Marinella Mondaini

Marinella Mondaini

Scrittrice, giornalista, traduttrice. Vive e lavora a Mosca

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon di Paolo Desogus Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

In Bolivia, tornano i carri armati di Geraldina Colotti In Bolivia, tornano i carri armati

In Bolivia, tornano i carri armati

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta di Leonardo Sinigaglia Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn di Giorgio Cremaschi Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Public enemy di Giuseppe Giannini Public enemy

Public enemy

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin di Antonio Di Siena Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

"L'Urlo" adesso è davvero vostro di Michelangelo Severgnini "L'Urlo" adesso è davvero vostro

"L'Urlo" adesso è davvero vostro

Zelensky: gli aiuti occidentali non sono sufficienti di Andrea Puccio Zelensky: gli aiuti occidentali non sono sufficienti

Zelensky: gli aiuti occidentali non sono sufficienti

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON di Michele Blanco LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

 Gaza. La scorta mediatica  Gaza. La scorta mediatica

Gaza. La scorta mediatica

Il Moribondo contro il Nascente Il Moribondo contro il Nascente

Il Moribondo contro il Nascente

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti