/ Brasile: Svastica incisa da sostenitori di Bolsonaro contro una d...

Brasile: Svastica incisa da sostenitori di Bolsonaro contro una donna che indossava la maglietta #NotHim

 

Dopo averla aggredita fisicamente, uno degli assalitori ha tirato fuori un coltello da tasca e ha inciso un segno, simile a una svastica, nello stomaco.


Telesur


Una donna di 19 anni che indossava una maglietta #NotHim, o #EleNão, è stata attaccata lunedì da un gruppo di uomini sostenitori del candidato presidenziale dell'estrema destra Jair Bolsonaro nel quartiere Baronesa do Gravataí, Cidade Baixa a Porto Alegre.

La vittima, che ha rifiutato di commentare pubblicamente l'attacco temendo ulteriori attacchi, ha detto alla Polizia Civile che stava scendendo in un autobus per tornare a casa quando è stata avvicinata dal gruppo di aggressori. Dopo averla aggredita fisicamente, uno degli assalitori, ha tirato fuori un coltello dalla tasca e ha inciso un segno, simile a una svastica, nel suo stomaco. La svastica è nota in tutto il mondo per essere associata al regime nazista degli anni '30 e '40 ed è associata a idee di razzismo e antisemitismo.

Centinaia di migliaia di persone si sono radunate in diverse città del Brasile nelle ultime settimane per protestare contro Bolsonaro, candidato alla presidenza del Partito Social Liberale (PSL).
Il movimento è guidato da femministe che si oppongono al sessismo, al razzismo e all'omofobia del candidato. Si sono mobilitate anche varie organizzazioni di sinistra.

Le marce seguono le proteste sui social media dopo le osservazioni di Bolsonaro. In una serie di marce che vanno da Manaus in Amazzonia alla megalopoli di San Paolo nel sud-est della nazione, i manifestanti hanno usato l'#EleNao, o #NotHim, hashtag che vuole sensibilizzare l'opinione pubblica contro il candidato che ha giustificato lo stupro e ha definito giustificato il divario retributivo di genere.

I dimostranti in 52 città del mondo, in 24 paesi, mostreranno la loro solidarietà con i brasiliani per le proteste "# EleNão" (#NotHim). Secondo l'account Facebook di "Women United Against Bolsonaro", che ora ha oltre due milioni di follower, le dimostrazioni sono imparziali. I raduni internazionali sono organizzati anche attraverso l'account Facebook "Donne brasiliane all'estero contro Bolsonaro" e incorporeranno l'hashtag # EleNão e lo slogan "No al fascismo" per l'uso dei social media.
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa