/ Centinaia di milioni di dollari in pochi giorni per Notre Dame: f...

Centinaia di milioni di dollari in pochi giorni per Notre Dame: filantropia o benefici fiscali?

 

La legislazione francese prevede una riduzione delle tasse del 60% per le imprese impegnate nelle filantropico culturali.


Il devastante incendio che ha colpito lunedì scorso la cattedrale di Notre Dame de Paris ha lasciato uno dei monumenti più visitati d'Europa e uno dei simboli più importanti della Francia senza tetto e la sua caratteristica guglia. Il giorno dopo è iniziato la campagna di raccolta fondi per ricostruire il gioiello architettonico.
 

 
Le persone più ricche del paese e le grandi compagnie francesi hanno risposto rapidamente alla richiesta di aiuto di Emmanuel Macron con somme generose fino a 200.000 euro (circa 225.000 dollari), e in meno di due giorni donazioni e contributi in tutto il mondo sono stati pari a circa di 850 milioni di euro. La Banca centrale europea ha donato 9 milioni di euro, e giovedì scorso si è aggiunto il Comitato olimpico internazionale con 500.000 euro (562.000 dollari).
 
Tra i francesi, da parte loro, spicca i seguenti donatori:
 
  • Il miliardario Bernard Arnault, proprietario del gruppo di beni di lusso LVMH (Moët Hennessy e Louis Vuitton): 200 milioni di euro
  • La compagnia cosmetica L'Oréal: 200 milioni di euro
  • Il miliardario François-Henri Pinault, proprietario del gruppo imprenditoriale di Kering, che comprende marchi di lusso famosi come Gucci, Balenciaga e Yves Saint Laurent: 100 milioni di euro
  • La compagnia energetica Total: 100 milioni di euro
  • Il gruppo bancario BNP: 20 milioni di euro
  • La società pubblicitaria JCDecaux: 20 milioni di euro
  • I fratelli Martin e Olivier Bouygues, proprietari dell'omonimo operatore di telecomunicazioni: 10 milioni di euro
  • L'assicuratore AXA: 10 milioni di euro
  • La banca d'affari Société Générale: 10 milioni di euro
  • Marc Ladreit de Lacharrière, direttore esecutivo di FIMALAC: 10 milioni di euro
 
Data la velocità con cui alcuni uomini d'affari e le aziende hanno donato fondi per ricostruire la cattedrale, sono emersi pareri che dietro il nobile obiettivo di aiutare il Paese a recuperare il suo patrimonio culturale potrebbe esserci altre ragioni, come ad esempio il desiderio di beneficiare di esenzioni fiscali per donazioni o migliorare la loro immagine.
 
La legislazione francese prevede una riduzione delle tasse del 60% per le imprese che si dedicano alla filantropia culturale, mentre nel caso delle persone fisiche è pari al 66% del suo ammontare. In altre parole, se una società dona 100 milioni di euro, lo Stato gli consentirà di mantenere 60 milioni di euro che non imputerà sotto forma di tasse. 
 
Gilles Carrez parlamentare francese, del partito Les Républicains ha dichiarato alla Reuters  che "è il Pubblico, che dovrà sopportare i costi ".
 
"In un certo senso, il disastro di Notre Dame è diventato un tema unificante, così vogliono dimostrare che sono anche uniti", ha dichiarato Adrian Palmer, che dirige la Henley Business School, aggiungendo che le donazioni in questo caso contribuiscono a creare "associazioni positive" tra la popolazione.
 
Da parte sua, la famiglia Pinault ha voluto smentire queste speculazioni pubblicando una dichiarazione nella quale di dice disposta a rinunciare pubblicamente qualsiasi vantaggio fiscale che potrebbe ottenere la vostra donazione. Il gruppo LVMH ha anche negato l'informazione che voleva migliorare la propria immagine attraverso l'offerta pubblica di denaro.
 
"L'unica cosa che è in questione è quello di cercare di aumentare il più possibile per affrontare questo problema urgente di fondi, e che va oltre qualsiasi tassa o una stima contabile", ha detto il portavoce del gruppo allla Reuters. La famiglia di Bettencourt-Meyer non ha voluto commentare la questione. Inoltre, non è noto se gli altri donatori prevedono di utilizzare i benefici fiscali.
 
Gli altri monumenti distrutti finiti nel dimenticatoio
 
Notre Dame non è l'unico oggetto di grande valore culturale che ha subito danni enormi, ma la solidarietà unanime con cui ingenti somme per il restauro sono state donate ha prodotto un dibattito sui social network, diversi utanti lamentavano il fatto che monumenti storici in destinazioni meno popolari tra i turisti non ricevessero tanto sostegno dalla comunità internazionale al momento della loro distruzione.
 

 
Così, alcuni hanno ricordato la distruzione che la Siria ha sofferto negli anni in cui la gran parte del suo territorio era sotto il controllo dei terroristi dello Stato islamico, che distruggevano vecchie chiese, numerosi monumenti e il patrimonio dell'umanità a Palmira.
 

 

 
C'è chi lamenta la mancanza di sostegno per la ricostruzione di monumenti danneggiati nella città siriana di Aleppo, come la Cattedrale dei Quaranta Martiri.
 

 
Lo stesso fuoco, ma non le stesse donazioni
 
Il 2 settembre l'anno scorso un incendio colpì il  Museo Nazionale di Rio de Janeiro , in Brasile, un fatto che ha scioccato il mondo intero, perché quel luogo, di 200 anni, ospitava 20 milioni di pezzi artistici e archeologici. Il sito era la più antica istituzione scientifica del Brasile e il più grande museo di storia naturale e antropologica dell'America Latina.
 
Tuttavia, per il momento il museo ha raccolto circa  $ 280.000, ha riferito all'AFP  il direttore Alexander Kellner, che ha notato che le donazioni di brasiliani sono state "estremamente deboli" e "molto al di sotto delle aspettative".
"Siamo molto soddisfatti della reazione estremamente positiva della società francese e siamo fiduciosi che, seguendo questo esempio, le aziende brasiliane inizieranno a inviarci le loro donazioni", ha affermato Kellner.
 
 
 
Fonte: Reuters
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa