Ciao Fidel. A 90 anni muore il leader della rivoluzione cubana, ha sfidato (e vinto) per 50 anni l'imperialismo Usa

Ciao Fidel. A 90 anni muore il leader della rivoluzione cubana, ha sfidato (e vinto) per 50 anni l'imperialismo Usa

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


TELESUR

Il presidente cubano Raul Castro ha annunciato la partenza fisica di Fidel, che "per rispettare la sua espressa volontà" sarà cremato.



Il leader della Rivoluzione cubana, Fidel Castro, è morto venerdì a 90 anni. Lo ha annunciato suo fratello, il presidente Raul Castro, in un discorso alla televisione di Stato. "L'eredità antimperialista di Fidel vive nel popolo cubano, che piange la dipartita fisica del suo leader".

Raul ha aggiunto che nelle prossime ore verranno annunciate le forme del funerale di Fidel Castro, che è stato visto l'ultima volta il 15 novembre, quando ha ricevuto nella sua residenza il presidente vietnamita Tran Quang Dai.

Fidel Castro è una delle figure più importanti del XX secolo, la sua eredità rimane in vigore intatta nel ventunesimo secolo.

Fidel ha segnato una nuova era per Cuba, nobilitando le persone che venivano calpestate dalla dittatura di Fulgencio Batista.

Non solo ha permesso alla popolazione cubana di riscoprire le proprie radici, ma Fidel ha rivendicato e attuato politiche che hanno permesso a Cuba di divenire un modello mondiale in materia di istruzione e di salute.

Fidel è diventato una figura emblematica del movimento anti-imperialista di resistenza delle politiche interventiste degli Stati Uniti e non cedere ai loro interessi. Nonostante l'embargo commerciale imposto dal paese del Nord America dal 1960, Cuba è riuscita a rimanere in piedi e attuato misure che hanno ottenuto il riconoscimento da varie organizzazioni.

Vi invitiamo a vedere il memorabile discorso di Fidel Castro alle Nazioni Unite nel 1979:




Oltre che a beneficio del popolo cubano, i servizi sanitari sono diventati un "prodotto di esportazione" del paese caraibico. Più di 15 mila medici e in totale circa 40 mila lavoratori legati a questi servizi sono stati "distribuiti" in tutto il mondo.

Da gennaio 1959, con il trionfo della Rivoluzione, Cuba ha risolto i grandi problemi del passato neocoloniale, con la riorganizzazione e la modernizzazione del Ministero della Pubblica Istruzione, attraverso misure per porre fine all'analfabetismo e avviare e l'estensione a tutta l'isola dei servizi educativi.

Traduzione de l'AntiDiplomatico

Potrebbe anche interessarti

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa di Giorgio Cremaschi Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

No Tav, Green Pass e prospettive comuni di Francesco Santoianni No Tav, Green Pass e prospettive comuni

No Tav, Green Pass e prospettive comuni

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

La finanza si "aspetta un terremoto" di Pasquale Cicalese La finanza si "aspetta un terremoto"

La finanza si "aspetta un terremoto"

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Nell'Italia che vorrei... di Gilberto Trombetta Nell'Italia che vorrei...

Nell'Italia che vorrei...

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO di Michelangelo Severgnini La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO