/ Contro i tre liberalismi che faranno finta di scontrarsi, il Pote...

Contro i tre liberalismi che faranno finta di scontrarsi, il Potere il 4 marzo deve tornare al Popolo

 


di Giorgio Cremaschi



Renzi e Gentiloni, Berlusconi e Salvini, Grillo e Di Maio apparentemente si scontrano su tutto. Se però andiamo a vedere la sostanza dei loro programmi economici, beh l'ubbidienza ai vincoli dell'austerità europea è comune.


Il PD ha lanciato la campagna elettorale assieme ai suoi cespugli rispolverando dalle ragnatele l'idea degli Stati Uniti d'Europa. Naturalmente nella versione da figurine Panini, la sola che possa essere compresa dal segretario democratico. Gli Stati Uniti socialisti di Europa erano l'idea originaria di Altiero Spinelli. Come si sa la UE ha imposto il potere autoritario liberista delle banche  sugli stati sottomessi d'Europa. Quindi Renzi con questa battuta, naturalmente epurata di ogni legame con il socialismo, semplicemente issa la bandiera UE a copertura della continuità delle politiche di austerità. Come hanno sempre fatto tutti i governanti in questi anni. Nel settembre del 2016 l'allora presidente del consiglio incontrò su una nave da guerra, al largo di Ventotene, Hollande e Merkel. Allora non poteva parlare di Stati Uniti alla presenza dei padroni della UE, lo avrebbero ridicolizzato, quindi fece solo qualche spot elettorale per il referendum che poi avrebbe perso.


Ora ci riprova. Nel 1700 un conservatore inglese Johnson, affermò che il patriottismo era l'ultimo rifugio dei mascalzoni. Oggi vale per l'europeismo. Non toccare la Fornero e il Jobsact, avanti con i tagli alla spesa pubblica,  mantenere gli impegni di applicazione del fiscal compact che Gentiloni e Padoan hanno sottoscritto a Bruxelles e che la UE verrà a riscuotere il 5 marzo. Missioni di guerra europee come quella sporchissima in Niger. Il centrosinistra vuole semplicemente continuare a fare ciò che ha fatto e si è impegnato a fare. La bandiera degli Stati Uniti d'Europa, che hanno minori possibilità di realizzarsi di quelli mondiali,  serve a raccogliere un poco di elettorato liberaldemocratico, quello che una volta si chiamava atlantico per la sua fedeltà ai soli stati uniti esistenti, quelli d'America. Ma soprattutto serve ad accreditare il PD come solo riferimento per i padroni della UE, Macron, Merkel, Rajoy. Cui però oggi si rivolge anche Berlusconi.


Il capo del centrodestra ha lasciato a Salvini il lavoro sporco sulla xenofobia e sul razzismo, peraltro oggi perfettamente compatibile con la UE che fa accordi coi tagliagole libici, o con Erdogan ,per fermare i migranti. Così mentre il leghista urla padroni in casa nostra, Berlusconi va dai padroni veri a concordare il programma. Ha bisogno di ottenere il via libera UE  alla colossale riduzione delle tasse per i ricchi e al piccolo aumento delle pensioni più basse, nonché ad una abolizione della Fornero più simbolica che effettiva.





I vertici europei non sono affezionati a questa o a quella misura, dall'epoca di Monti e dei massacri greci hanno appreso che si possono avere migliori risultati, se si allunga il guinzaglio con cui si tengono legati i governi degli stati sotto controllo. Berlusconi questo lo sa benissimo, quindi ha fatto alla Ue una proposta che non può rifiutare. L'obbedienza assoluta al fiscal compact e un gigantesco piano di privatizzazioni a garanzia di essa. Quindi per banche e multinazionali tedesche e francesi,e naturalmente per tutte le altre, si preparano nuove occasioni di ottimi affari. Perché la commissione UE dovrebbe fare obiezioni a chi realizza la  parte fondamentale del suo programma liberista, mettendo all'asta il proprio paese così come ha fatto per la sua squadra di calcio?


Berlusconi ha promesso alla UE che il suo governo rispetterà rigidamente il vincolo del deficit di bilancio al di sotto del 3%. Il Movimento 5 Stelle invece propone di superarlo per far crescere l'economia. Sembrerebbe che con questa e altre misure la forza politica guidata da Di Maio abbia davvero deciso di rompere con l'austerità europea. Ma non è così. Si chiama clausola di dissolvenza la parte di un trattato o accordo che può mettere in discussione tutto il resto. Il programma in 20 punti varato dai cinque stelle ha la propria dissolvenza al punto 16 . Lì si propone la ridurre il debito pubblico di ben 40 punti in dieci anni. È la pura applicazione del  peggior vincolo del Fiscal compact, che non impone solo il pareggio di bilancio, ma la riduzione dell'ammontare del debito fino al 60 % del PIL. Con un rapporto attualmente al 130% nessuno nella UE pensa che l'Italia possa, e neppure debba, raggiungere quell'obiettivo. Ma la riduzione del rapporto debito PIL al 90% farebbe felice anche Schauble. E questo è quanto propongono Di Maio e i suoi, cioè un taglio di spesa pubblica di 40 e più miliardi all'anno aggiuntivo a tutti gli altri. O pensano alla più ingegnosa finanza creativa del nuovo millennio, o credono ad un tasso di sviluppo del 5% all'anno, oppure i cinque stelle hanno programmato dieci anni di lacrime e sangue.. E tutte le altre loro proposte sono aria fritta, perché solo il punto 16 conta davvero e li accredita preso la UE.


Diversi sono gli strumenti, Jobsact e Fornero, privatizzazioni, tagli draconiani alla spesa pubblica, ma tutti i principali schieramenti elettorali hanno in comune la volontà di essere accettati dalla UE come fedeli esecutori del suo comando e dei suoi vincoli, primo fra tutti il fiscal compact. Il liberismo europeo in Italia può giocare su tre tavoli, sicuro di vincere in ogni caso.


Liberi e Uguali a sua volta non rappresenta certo un'alternativa ai tre schieramenti liberisti che si contendono il governo, non solo perché su questi temi non sono pervenuti, ma perché come massima ambizione i suoi leader si propongono di rifare il centrosinistra col PD. La bufala degli Stati Uniti d'Europa vale anche per loro. Solo Potere al Popolo propone la rottura con trattati e vincoli UE come condizione per realizzare davvero un'altra politica economica e sociale. Per questo oggi è la sola forza di alternativa, destinata a crescere nonostante tutto le si opponga.
 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa