/ Corsa all'oro: perché le banche centrali lo acquistano a un ritmo...

Corsa all'oro: perché le banche centrali lo acquistano a un ritmo da record?

 

Le banche centrali di vari paesi del mondo stanno aumentando le loro riserve auree ad un ritmo senza precedenti. Perché preferiscono il metallo prezioso al dollaro?


Secondo i dati del World Gold Council, negli ultimi tre mesi le banche centrali di tutto il mondo hanno acquistato più di 148 tonnellate di oro, stimate in 5.820 miliardi di dollari, il 22% in più rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso.
 
La Banca di Russia è stata quella che ha acquistato di più: 92 tonnellate di oro. Tenendo conto delle 106 tonnellate acquisite nella prima metà dell'anno, le riserve in oro della Russia hanno superato le 2.036 tonnellate, il suo valore di mercato è di circa 78 miliardi di dollari.
 
I compratori d'oro più attivi negli ultimi mesi sono stati la Turchia e la Cina, paesi i cui rapporti con gli Stati Uniti sono peggiorati drammaticamente negli ultimi mesi.
 
Inoltre, Mosca, Ankara e Pechino sono diventati i maggiori venditori di titoli di stato statunitensi.
 
Quest'anno, la Banca centrale russa ha ridotto gli investimenti nel debito sovrano degli Stati Uniti. di quasi otto volte, riferisce RIA Novosti. Dalla fine dello scorso anno, la Turchia ha ridotto la sua partecipazione agli investimenti nel debito degli Stati Uniti di quasi la metà.
 
Da aprile, quando Washington ha introdotto le prime tariffe sulle importazioni di prodotti cinesi, Pechino ha ridotto regolarmente il volume dei titoli di stato statunitensi che possiede
 
Crisi imminente
 
Secondo gli esperti, le considerazioni economiche spiegano le ultime tendenze. Il mondo si sta avvicinando a una nuova era di instabilità, la prospettiva di una crisi globale sta diventando sempre più reale e quasi tutti gli specialisti sono fiduciosi che l'economia statunitense continui a crescere e cheil dollaro sarà il più colpito dai cataclismi imminenti.
 
A metà ottobre, l'economista Ulf Lindahl, direttore di AG Bisset Associates, specializzata nella società di ricerche di mercato forex, ha dichiarato che il dollaro sarebbe sull'orlo del collasso e che nei prossimi cinque anni sarebbe si sarebbe deprezzatto nei confronti dell'euro in 40%, secondo
bloomberg.com/news/articles/2018-10-15/this-fx-veteran-predicts-the-dollar-will-plunge">Bloomberg.
 
Attualmente, gli investimenti in attività statunitensi, secondo diversi esperti, sono accompagnati da rischi. In primo luogo, si tratta della guerra commerciale scatenata da Washington.
 
La Federal Reserve
 
Il secondo fattore di rischio più importante è considerato la politica della Federal Reserve statunitense. Secondo gli investitori, la quantità di denaro disponibile per investire diminuirà drasticamente e il rendimento sui titoli di stato aumenterà, cosicché i fondi del mercato azionario cominceranno a fluire verso titoli federali.
 
Inoltre, il costo dei prestiti per le aziende aumenterà, in modo che sempre più fondi saranno spesi per il servizio del debito e meno per lo sviluppo. Di conseguenza, l'attività dei venditori nelle borse statunitensi aumenterà e gli acquirenti si indeboliranno, causando un rapido calo dei prezzi.
 
Debito pubblico rischioso
 
I tre principali rischi per gli investitori statunitensi includono anche la possibilità di un rallentamento economico in Cina a causa di una combinazione di due fattori: la guerra commerciale con Washington e un enorme debito interno, stimato in 7 trilioni di dollari.
 
Alla fine di luglio, la Cina aveva quasi 1.2 trilioni di titoli di stato statunitensi. Lasciando questi documenti sul mercato, Pechino condannerà l'economia statunitense a una crisi finanziaria senza precedenti.
 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa