Corte penale internazionale: prove di crimini di guerra commessi dall'esercito Usa e dalla Cia in Afghanistan

Corte penale internazionale: prove di crimini di guerra commessi dall'esercito Usa e dalla Cia in Afghanistan

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 Il procuratore della Corte penale internazionale accusa l'esercito americano e la CIA di aver commesso crimini di guerra in Afghanistan, compresa la tortura e il trattamento crudele dei prigionieri.



"Vi è una base ragionevole per credere che, durante gli interrogatori dei detenuti, membri delle forze armate degli Stati Uniti e della CIA hanno usato metodi che ricadono sotto i crimini di guerra", ha detto il procuratore capo della CPI, Fatou Bensouda.

Il procuratore ritiene che i soldati americani hanno sottoposto "almeno 61 prigionieri a torture, trattamenti crudeli e oltraggiosi della dignità personale in Afghanistan."

 Fatou Bensouda ha anche detto che membri della CIA " potrebbero aver commesso abusi di questo tipo su almeno 27 detenuti in Afghanistan e sul territorio di altri Stati membri della CPI, Polonia, Romania e Lituania.

Il procuratore ritiene che vi sono fondati motivi per ritenere che questi crimini sono stati commessi "per ottenere informazioni attraverso tecniche di interrogatorio basate su metodi crudeli o violenti per servire gli obiettivi degli Stati Uniti nel conflitto in Afghanistan. "

 Il procuratore deve decidere se chiedere ai giudici l'autorizzazione per aprire un'inchiesta sui presunti crimini commessi dai militari degli Stati Uniti e dalla CIA.
 
 

L'agenda Draghi-Meloni di Giorgio Cremaschi L'agenda Draghi-Meloni

L'agenda Draghi-Meloni

21 settembre. Il discorso integrale di Vladimir Putin in italiano di Marinella Mondaini 21 settembre. Il discorso integrale di Vladimir Putin in italiano

21 settembre. Il discorso integrale di Vladimir Putin in italiano

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino di Alberto Fazolo Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Dal Covid alle guerre Nato: Figliuolo "premiato" a Tripoli di Michelangelo Severgnini Dal Covid alle guerre Nato: Figliuolo "premiato" a Tripoli

Dal Covid alle guerre Nato: Figliuolo "premiato" a Tripoli

Von Der Leyen e le elezioni italiane di Pasquale Cicalese Von Der Leyen e le elezioni italiane

Von Der Leyen e le elezioni italiane

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra di Damiano Mazzotti Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti