/ Dagli attacchi dell'11 settembre le politiche degli USA hanno fat...

Dagli attacchi dell'11 settembre le politiche degli USA hanno fatto proliferare il terrorismo

 


Global Times
 

Oggi è l'11 settembre. Molti media statunitensi stanno riflettendo sulla guerra antiterrorismo del paese, nonché sui vantaggi e gli svantaggi dell'attuale politica estera statunitense. In generale, tale valutazione è buona.

 

Dal punto di vista nordamericano, la guerra antiterrorismo è stata efficace. Ha rovesciato o contenuto la capacità delle organizzazioni terroristiche di lanciare attacchi di massa in stile 11/9. Gli Stati Uniti sono relativamente sicuri. D'altra parte, il terrorismo si è diffuso in tutto il mondo e ha sfruttato le questioni regionali per obiettivi più specifici.

 

Ancora più importante, l'odio e l'incomprensione non si sono ridotti nel mondo, il che rende più difficile sradicare il terrorismo. Pertanto, vari paesi hanno speso molto per contrastare il terrorismo. La governance globale avrebbe conseguito maggiori risultati se queste risorse fossero state utilizzate per sviluppare le economie in paesi e regioni sottosviluppati.

 

Gli Stati Uniti sono il paese più potente del mondo. Crediamo che abbiano responsabilità speciali nel rendere il mondo più pacifico e ordinato. Purtroppo, Washington non è riuscita a farlo, e ha dato il cattivo esempio al mondo essendo egoista, capricciosa e persino maleducata.

 

Guardando indietro alla guerra antiterrorismo, la gente scoprirà che gli Stati Uniti non sono alla radice dell'eliminazione del terrorismo. Negli ultimi anni, le attività terroristiche si sono verificate più frequentemente in una vasta gamma di luoghi, coinvolgendo soggetti radicali sempre più diversi.

 

La situazione in Medio Oriente è cambiata, mentre i conflitti nel mondo islamico sono diventati gravi. Gli Stati Uniti hanno cambiato la propria politica, sostenendo Israele contro i paesi arabi, sostenendo apertamente alcuni e opponendosi ad altri in Medio Oriente, nonché sostenendo selettivamente le cosiddette attività democratiche nella regione. Washington ha guadagnato nel breve periodo ma ha lasciato la regione nel caos.

 

Washington ha sostenuto la politica "America First" e intrapreso azioni sovversive negli ultimi anni. Ciò ha avuto un grave impatto sul fragile ordine mondiale e ha permesso a vari rischi per la pace di crescere.

 

In primo luogo, gli Stati Uniti hanno gravemente compromesso le principali relazioni di potere del dopoguerra incentrate sulla cooperazione. Hanno dichiarato che Cina e Russia sono due concorrenti strategici e ha lanciato una folle guerra commerciale contro la Cina, portando a tensioni senza precedenti nel mondo.

 

In secondo luogo, Washington ha rifiutato di adempiere alle proprie responsabilità e obblighi in quanto superpotenza e si è ritirata da numerosi trattati e meccanismi internazionali, lasciando incompleta, stagnante e paralizzata la già consolidata grande cooperazione globale.

 

In terzo luogo, la Casa Bianca ha esercitato un'enorme pressione e rinnegato le sue parole come strategia di negoziazione palese, erodendo gravemente alcune norme di base delle relazioni internazionali.

 

Gli Stati Uniti desiderano rimodellare le relazioni internazionali e la distribuzione degli interessi globali secondo la propria volontà, nel tentativo di mettere in pratica il principio "America First". Man mano che il mondo con la tecnologia moderna diventa sempre più caotico, gli Stati Uniti difficilmente possono controllare tale caos e stabilire una struttura ordinata che favorisca la massimizzazione dei suoi interessi.

 

La turbolenza e l'incertezza sono emerse nel punto in cui gli Stati Uniti hanno agitato le cose. L'ordine economico globale libero e aperto, così come la struttura di sicurezza internazionale basata sul disarmo e sul controllo degli armamenti, stanno diventando frammentati. Washington sta vivendo i suoi guadagni passati e sta creando nuova insoddisfazione e persino odio, in quasi tutte le direzioni. I politici di Washington stanno sostenendo una strategia così irrazionale incitando il nazionalismo statunitense.

 

Gli attacchi dell'11 settembre sono stati un'enorme tragedia. Si spera che le élite politiche di Washington ricordino come il mondo abbia simpatizzato e aiutato gli Stati Uniti nel 2011 e riflettano su come il paese ha agito da allora.

 

(Traduzione de l’AntiDiplomatico)

 

Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa