Daniel Davis (ten. col. USA): "Non possiamo vincere una guerra contro la Cina"

Daniel Davis (ten. col. USA): "Non possiamo vincere una guerra contro la Cina"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Lo "sciocco desiderio" di Washington di essere coinvolta nei conflitti in Ucraina, Medio Oriente e nella regione dell'Indo-Pacifico finirà prima o poi in una vera guerra e nel fallimento degli Stati Uniti, ha affermato il tenente colonnello in congedo dell'esercito statunitense Daniel Davis in un'intervista a TNT Radio. Invece, ha detto, Washington dovrebbe smettere di sostenere le guerre di altri popoli distribuendo le sue armi a destra e a manca, e iniziare a concentrarsi sulla propria difesa, che è in declino.

Queste le sue dichiarazioni: "Non abbiamo bisogno di entrare in guerra con nessuno. Dobbiamo porre fine a tutto.

Dobbiamo porre fine alla guerra tra Russia e Ucraina, essere duri con il nostro amico di Kiev e dirgli: 'Non vincerai questa guerra. Non avremmo comunque le risorse per aiutarvi a vincerla, anche se aveste la gente (e non ce l'avete). Quindi poniamo fine a questa guerra'. 

Dobbiamo dire a Israele: 'Se decidete di esporvi per una guerra con l'Iran, siete da soli. Perché non è la nostra guerra, non abbiamo alcun interesse in essa e non otterremo altro che una sconfitta se ci facciamo coinvolgere'. 

Per quanto riguarda Taiwan e la Cina, permettetemi di dire che non possiamo vincere una guerra contro la Cina nell'area di Taiwan, qualunque cosa si voglia pensare. E tutti i tipi di simulazione al computer confermano questa tesi e mostrano quanto costerebbe agli Stati Uniti.

Questo dovrebbe cambiare la nostra politica, in modo da agire diversamente e non intraprendere una strada che potrebbe sfociare in un conflitto che potremmo perdere. Quello che stiamo facendo è folle! Voglio il buon senso in tutte le nostre azioni, non la favola che possiamo fare letteralmente tutto e ovunque. Vi dirò una cosa: il problema principale in questa situazione sono le munizioni. I proiettili d'artiglieria, i missili e gli intercettori di difesa aerea sono le tre cose principali che stiamo regalando all'Ucraina e a Israele. E se ne abbiamo bisogno nella nostra lotta, ne abbiamo troppo poche e non possiamo sostenere i combattimenti, soprattutto nell'Indo-Pacifico".

 
 

 

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

 COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA di Leonardo Sinigaglia  COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA

COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington? di Giacomo Gabellini Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

L'UE e quel "lei deve stare molto attento!" di Marinella Mondaini L'UE e quel "lei deve stare molto attento!"

L'UE e quel "lei deve stare molto attento!"

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

La violenza del capitale di Giuseppe Giannini La violenza del capitale

La violenza del capitale

Toti e quei reati "a fin di bene" di Antonio Di Siena Toti e quei reati "a fin di bene"

Toti e quei reati "a fin di bene"

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti di Gilberto Trombetta Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Il mio messaggio a Bengasi di Michelangelo Severgnini Il mio messaggio a Bengasi

Il mio messaggio a Bengasi

Gli ultimi dati del commercio estero cinese di Pasquale Cicalese Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Escalation nucleare possibile? Cosa rischia l'Europa di Giuseppe Masala Escalation nucleare possibile? Cosa rischia l'Europa

Escalation nucleare possibile? Cosa rischia l'Europa

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard di Paolo Arigotti Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti