/ Documenti declassificati: Gli USA hanno invaso l'Iraq sapendo che...

Documenti declassificati: Gli USA hanno invaso l'Iraq sapendo che avrebbero creato il caos

 

Diversi diplomatici statunitensi avvertirono nel 2002 che un'invasione dell'Iraq per rovesciare il Saddam Hussein avrebbe portato il paese arabo al caos interno.


Un documento declassificato ha recentemente rivelato gli avvertimenti di tre diplomatici all'allora Segretario di Stato Colin Powell (2001-2005) sulle implicazioni dell'invasione statunitense. in Iraq, come proposto dall'ex presidente George W. Bush (2001-2009), secondo quanto ha rivelato un articolo pubblicato ieri sul quotidiano statunitense 'The Wall Street Journal'.
 
"Uno sforzo per rovesciare il regime di Baghdad potrebbe avere implicazioni imprevedibili. Se non stiamo attenti, potremmo creare una "tempesta perfetta" per gli interessi degli Stati Uniti", scrissero, a suo tempo, i tre diplomatici in una lettera segreta inviata a Powell.
 
Ignorando l'avvertimento, la Casa Bianca ordinò alle sue truppe di attaccare e invadere l'Iraq il 19 marzo 2002, senza aver definito un piano per l'era del dopoguerra in questo paese arabo, secondo il rapporto.
 
L'intervento militare statunitense, sostenuto dai suoi alleati, ha portato alla cattura del presidente iracheno, nel 2003.

 
Dopo il rovesciamento di Saddam Hussein, ben presto, le truppe irachene e statunitensi schierate in Iraq hanno testimoniato l'inizio di una lotta feroce tra le diverse tribù e gruppi etnici indigeni che compongono la complessa società irachena al fine di prendere il controllo del paese arabo, aggiunge il giornale americano.
 
Di conseguenza, il quotidiano sottolinea che questi scontri sono stati i germi che poi hanno portato alla nascita del gruppo terroristico ISIS (Daesh in arabo).
 
In questo documento di 10 pagine, i diplomatici di cui sopra hanno sottolineato: "Questa visione richiede di rimanere in Iraq per cinque anni. Se sei fortunato, questa volta sarà ridotto a quattro anni e, in caso contrario, continuerà per 10 anni ".
 
Persino l'attuale presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, definì l'invasione dell'Iraq la peggiore decisione nella storia degli Stati Uniti.
 
Fonte: The Wall Street Journal
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa