/ Ecuador, la Commissione inter-americana dei diritti dell'uomo con...

Ecuador, la Commissione inter-americana dei diritti dell'uomo contro il referendum di Moreno

 


La Commissione interamericana per i diritti umani ha affermato che il Consiglio di partecipazione dell'Ecuador deve continuare a funzionare nonostante il referendum che lo ha di fatto sciolto.


Il governo ecuadoriano ha rilasciato una dichiarazione martedì sera per difendere la legalità del recente referendum indetto dal presidente Lenin Moreno in risposta a una sentenza della Commissione interamericana sui diritti umani a favore dei membri del Consiglio per la partecipazione e il controllo sociale dei cittadini, le cui funzioni sono state sospese dal referendum, sostenendo che deve continuare il suo lavoro.



Il referendum svoltosi tra molte polemiche per la dubbia legalità domenica proponeva sette domande con la terza che chiedeva agli elettori se sostenevano o meno la fine dell'organo costituzionale del Consiglio per la partecipazione e il controllo sociale dei cittadini - uno dei perni della Revolucion Ciudadana che grazie a Correa ha permesso al paese di uscire dal dramma economico imposto da Fondo Monetario Internazinale e Banca Mondiale per ridare dignità e prosperità alla popolazione dell'Ecuador.


In vista del voto, avvenuto il 4 febbraio, i membri del consiglio hanno chiesto alla commissione inter-americana di indagare se i loro diritti costituzionali venissero violati dal governo e dal suo referendum, sostenendo che la costituzione del 2008 stabilisce che non fosse possibile rimuoverli prima della fine del loro mandato senza un'accusa politica davanti all'Assemblea nazionale dell'Ecuador.


Il presidente del Consiglio Raquel González ha dichiarato martedì che tutti i membri devono continuare il loro lavoro fino a quando non verrà installato un Consiglio per la transizione. Il consiglio agisce come un organismo statale separato e indipendente ei suoi membri sono selezionati da movimenti sociali e cittadini. González è stato nominato capo del consiglio nel 2015.


Nel frattempo, il ministero degli Esteri dell'Ecuador ha rilasciato una dichiarazione contro la decisione della IACHR, definendola "incomprensibile, immorale e contraria ai procedimenti giudiziari" e assicurando che il referendum fosse in linea con la costituzione progressista del paese. "Il governo dell'Ecuador ribadisce la piena legalità e legittimità del referendum popolare tenutosi il 4 febbraio 2018, in cui il popolo ecuadoriano ha espresso il proprio consenso a favore delle proposte emanate dall'ampio dialogo tenuto dal Presidente Lenin Moreno con diversi attori del Società ecuadoriana ", ha detto la dichiarazione pubblicata dal ministero degli Esteri del Paese.


L'ex presidente Rafael Correa ha condotto la campagna "No" contro tutte le domande del referendum e ha messo in dubbio la stessa legalità della consultazione stessa, sostenendo che era incostituzionale e antidemocratico, principalmente a causa della terza questione riguardante il consiglio.


In un'intervista a Telesur, Correa ha definito "incostituzionale" la consultazione e ha sottolineato che Moreno dovrebbe essere perseguito "politicamente e penalmente" per il suo provvedimento. A suo parere, le domande contemplate non hanno avuto l'approvazione della Corte costituzionale e quindi non hanno alcuna validità.


"Sappia l'America Latina, perché il popolo ecuadoriano non lo sa, che nelle domande della consultazione popolare e del referendum, la seconda è retroattiva, e la terza è un colpo di stato", ha detto a Telesur.


"Quando si tratta di una legge retroattiva come nella seconda domanda, nessun paese, nessuno stato di diritto può passare tale questione e quando si tratta di un colpo di stato come nella domanda tre, che mira ad accumulare tutti i poteri, durante un anno, nel presidente, uno stato di diritto non può permettere una domanda del genere", ha precisato l'ex Presidente. 
 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa