/ Il Segretario di Hezbollah: i piani di Usa, Israele e Arabia Saud...

Il Segretario di Hezbollah: i piani di Usa, Israele e Arabia Saudita contro l'Iran sono naufragati

 

"Trump e Netanyahu stanno guidando la regione (del Medio Oriente) verso la guerra, davanti alla quale l'Asse della Resistenza deve essere ben preparato. La nostra opzione non è la guerra, ma la resistenza", ha sottolineato il leader di Hezbollah



da HispanTv
 

Il segretario generale del Movimento di Resistenza Islamica del Libano (Hezbollah), Seyed Hasan Nasrallah, ha assicurato che le speranze degli Stati Uniti, del regime di Israele e dell'Arabia Saudita riguardo all'Iran sono state spezzate.

 

Con queste parole, Nasrallah ha fatto riferimento, in occasione di un'intervista al canale televisivo locale Al-Mayadeen, agli ultimi eventi in Iran, le cui città, per giorni, sono state teatro di proteste pacifiche - per la disoccupazione e prezzi elevati dei prodotti di prima necessità - che in alcuni casi sono degenerate in disordini e atti di violenza.

 

Dopo aver accusato il presidente degli Stati Uniti Donald Trump, il primo ministro israeliano Benyamin Netanyahu, così come i leader sauditi, di intromettersi negli affari interni dell'Iran, il capo della Resistenza libanese ha definito ormai rovinata la "speranza" di questi leader riguardo all'Iran.

 

A suo avviso, l'Iran è vittima delle trame ordite dal triangolo USA, Israele e Arabia Saudita, per il grande sostegno che offre ai gruppi della Resistenza e alla causa palestinese.

 

"Trump e Netanyahu stanno guidando la regione (del Medio Oriente) verso la guerra, davanti alla quale l'Asse della Resistenza deve essere ben preparato. La nostra opzione non è la guerra, ma la resistenza", ha sottolineato il leader di Hezbollah.

 

Nasrallah crede che ciò che è accaduto in Iran non ha nulla a che fare con il sistema politico, ma piuttosto con i problemi e la situazione economica scatenata dalla bancarotta di diverse banche e istituti di finanza e credito.

"Ma i nemici e i sabotatori hanno approfittato dell'occasione per i loro scopi politici", ha detto.

 

In ogni caso, ha elogiato l'unità dei funzionari, i movimenti e gruppi politici iraniani che sono riusciti a rovesciare i piani nemici e alienare i cittadini dai sabotatori e dai rivoltosi.

 

Ha anche ammonito l'Asse della Resistenza - Iran, Siria, Libano e Palestina - ad essere preparato per qualsiasi scenario, al fine di far fronte a qualsiasi azione di sorpresa dai nemici.

 

"Quello che è successo in Iran non avrà alcun impatto sul sostegno del paese alla Resistenza nella regione, perché il popolo iraniano crede nella Resistenza", ha aggiunto.

 

Il leader della Rivoluzione Islamica Ayatollah Seyed Ali Khamenei ha avvertito che il nemico è sempre alla ricerca di un'opportunità e di eventuali crepe per infiltrarsi e attaccare la Repubblica Islamica, ma si è detto fiducioso che la nazione persiana possa sconfiggere con il suo coraggio le trame nemiche.

 

Questo stesso mercoledì, decine di migliaia di persone hanno manifestato in numerose città in Iran per riaffermare il loro sostegno alla rivoluzione islamica e contrastare le rivolte.

 

(Traduzione de l’AntiDiplomatico)

Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa