/ Fondatore Megaupload denuncia l'ipocrisia sulle restrizioni ad Hu...

Fondatore Megaupload denuncia l'ipocrisia sulle restrizioni ad Huawei: "La sorveglianza di massa la fanno gli USA"

 

Washington "ha trasformato il suo intero settore tecnologico in una macchina di spionaggio", afferma il fondatore di Megaupload Kim Dotcom.


Il fondatore del sito web Megaupload, Kim Dotcom, ha criticato l'ipocrisia che emerge dalla decisione di Washington di imporre restrizioni a Huawei, tenendo conto del primato degli Stati Uniti in "abusi di tecnologia" e del suo utilizzo come strumento di spionaggio.
 
"L'ironia del divieto di Trump su Huawei è che il presunto comportamento di abuso di tecnologia per la sorveglianza di massa è esattamente il comportamento degli Stati Uniti", ha scritto l'uomo d'affari e attivista attraverso il suo account Twitter.
 

 
Secondo Dotcom, Washington "ha trasformato il suo intero settore tecnologico in una macchina di spionaggio contro tutti, ovunque".
 
"E come fanno gli Stati Uniti, credo che anche la Cina lo farà", sottolinea lo specialista informatico.
 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa