Gideon Levy: 'Nessun israeliano è più responsabile degli insediamenti e dell 'occupazione di Simon Peres'

Gideon Levy: 'Nessun israeliano è più responsabile degli insediamenti e dell 'occupazione di Simon Peres'

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


Nel giugno del 2014 subito dopo il conferimento della medaglia d'oro da parte del Congresso degli Stati (che di Premi Nobel per la pace se ne intendono), Gideon Levy su Haaretz sceglieva queste parole per descrivere Simon Peres: 

Peres ha lottato per la libertà? Peres ha lottato per la giustizia? Peres ha pagato un prezzo personale pesante?Alcune persone dicono che Peres ha ricevuto il premio per sconvolgere il primo ministro Benjamin Netanyahu e che il premio è in realtà destinato a tutto Israele. Ma perché? Per che cosa?  Nessun israeliano è più responsabile degli insediamenti e dell 'occupazione. Peres è uno dei padri fondatori di entrambi. Nessuno in vita è più responsabile nell'aver trasformato Israele in uno stato paria 

Sono parole importanti da leggere con attenzione oggi, soprattutto nell'Italia che celebra il Premio Nobel Simon Peres.



P.s. queste immagini raffigurano la Strage di Qana, 11-27 aprile 1996, meglio conosciuta come Operation Grapes of Wrath, Operazione Grappoli d'Ira. Protagonista il Premio Nobel per la Pace...









Potrebbe anche interessarti

Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista di Francesco Erspamer  Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista

Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista

Sa(n)remo arruolati in guerra di Giorgio Cremaschi Sa(n)remo arruolati in guerra

Sa(n)remo arruolati in guerra

Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?   di Bruno Guigue Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?

Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'(ancien) Regime di Antonio Di Siena L'(ancien) Regime

L'(ancien) Regime

Migranti, petrolio e milizie: il gioco delle 3 carte del Fatto Quotidiano di Michelangelo Severgnini Migranti, petrolio e milizie: il gioco delle 3 carte del Fatto Quotidiano

Migranti, petrolio e milizie: il gioco delle 3 carte del Fatto Quotidiano

I giornali preparano la (solita) trappola mortale di Pasquale Cicalese I giornali preparano la (solita) trappola mortale

I giornali preparano la (solita) trappola mortale

I Sonnambuli di oggi  di Giuseppe Masala I Sonnambuli di oggi

I Sonnambuli di oggi

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

Irriducibili. Viaggio all’interno della fisica e della mente di Damiano Mazzotti Irriducibili. Viaggio all’interno della fisica e della mente

Irriducibili. Viaggio all’interno della fisica e della mente