/ L'Iran sventa i piani progettati dalla CIA e dal Mossad

L'Iran sventa i piani progettati dalla CIA e dal Mossad

 

I servizi di sicurezza delle Guardie della Rivoluzione islamica (IRGC) mantiene una grande attenzione e risolutezza contro la CIA o il Mossad, sventando i loro piani.


Nelle osservazioni riportate oggi, il generale Hasan Emami, uno dei vice-capi del Servizio di Intelligence dell'IRGC, il Corpo dei Guardiani della Rivoluzione islamica dell'Irab, ha riferito sui progetti organizzati dai servizi stranieri per penetrare nei punti strategici del paese persiano come i centri di ricerca e le strutture delle Forze aerospaziali della Forza al Quds dell'IRGC, tra gli altri.
 
Dopo aver spiegato il ruolo preminente della IRGC per difendere le conquiste e gli ideali della Rivoluzione Islamica dell'Iran, il generalesostiene che l'agenzia è sempre stata e rimane l'obiettivo di complotti e piani dei nemici del paese, come il furto di informazioni, reclutamento di membri e infiltrazioni.
 
Tuttavia, aggiunge, l'Intelligence Service dell'IRGC è riuscito nel quadro dei suoi compiti, a garantire la sicurezza e vanificare gli sforzi e fondi investiti dal nemico per ostacolare la missione dell'organizzazione.

 
"Manteniamo grande fermezza con le più grandi agenzie di intelligence del mondo, tra cui la CIA e il servizio di intelligence israeliano (il Mossad), così come altri servizi che perseguono determinati obiettivi nel Paese e nel Corpo dei Guardiani, e abbiamo sventato i piani di diversi tipi, come il reclutamento di collaboratori, la raccolta di dati confidenziali e le infiltrazioni ", sottolinea il generale Emami.
 
L'Intelligenza dell'IRGC, assicura l'alto comandante iraniano, non solo monitora le azioni contro l'organismo stesso, ma monitora attentamente le attività dei nemici sia all'interno che all'esterno del paese e prepara le risposte appropriate.
 
Fonte: Hispantv
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa