/ "Gli Stati Uniti stanno aumentando la tensione nel Golfo Persico,...

"Gli Stati Uniti stanno aumentando la tensione nel Golfo Persico, nella speranza che qualcuno perda il controllo"

 

Il vice ministro degli affari esteri della Russia, Sergey Ryabkov, ha fatto riferimento alle azioni di Washington contro Teheran.


La Federazione Russa ha esortato la comunità internazionale a rendere la situazione nel Golfo Persico meno tesa, non come fanno gli Stati Uniti. e alcuni dei suoi alleati, ha dichiarato il vice ministro degli affari esteri della Russia, Sergey Ryabkov.
 
Il diplomatico ha indicato che Washington sta prendendo queste misure contro l'Iran "nella speranza che qualcuno perda il controllo".
 
La tensione sta crescendo nella regione da quando gli Stati Uniti hanno deciso di rafforzare il proprio contingente militare nel Golfo Persico con il gruppo di battaglia della portaerei USS Abraham Lincoln, nonché una task force di bombardieri, in risposta a ciò che la Casa Bianca ha definito una "minaccia credibile" contro gli interessi degli Stati Uniti e i loro alleati dall'Iran.
 
Washington ha anche approvato lo spiegamento di una batteria del sistema di difesa aerea statunitense Patriot e della nave da trasporto anfibia USS Arlington. Inoltre, il 16 maggio, i cacciatorpediniere missilistici della US Navy, USS McFaul e USS Gonzalez, hanno raggiunto il Golfo Persico senza incidenti, passando attraverso lo Stretto di Hormuz.
 
Da parte sua, l'Iran ha negato le accuse degli Stati Uniti ed ha espresso la volontà di condannare tali schieramenti e vendicarsi in caso di conflitto militare.
 
"Necessità di un dialogo franco"
 
Per quanto riguarda il programma nucleare iraniano, Riabkov ha annunciato l'iniziativa di Mosca di convocare una commissione dedicata al piano d'azione globale congiunto e completo (JCPOA), poiché c'è "l'esigenza prevalente di un dialogo franco ".
 
Con questo, il diplomatico russo ha sottolineato che i recenti passi compiuti da Teheran non contraddicono le disposizioni del JCPOA.
Tuttavia, a questo punto "dobbiamo guardarci negli occhi e capire cosa faremo al riguardo", ha aggiunto.
 
Il viceministro si è inoltre rammaricato che finora la parte russa non abbia ricevuto la corrispondente risposta sulla commissione congiunta dei coordinatori dell'UE.
 
Fonte: Rt
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa