/ "Guarda il logo Huawei, è una MELA tagliata a pezzi". Apple perde...

"Guarda il logo Huawei, è una MELA tagliata a pezzi". Apple perde più del 3% del suo valore in un giorno dopo le sanzioni contro l'azienda cinese

 

Gli investitori temono rappresaglie dalla Cina contro la società di Cupertino, secondo gli esperti.

Lunedì scorso, le azioni di Apple sono calate di un 3,1% alla Borsa di New York, un fatto che è stato visto  come una reazione alla decisione da parte del Dipartimento del Commercio statunitense di vietare alle società statunitensi di acquistare parti e componenti prodotti da Huawei e da 70 società cinesi affiliate.
 
Sebbene abbia recuperato molte delle perdite il giorno successivo, le fluttuazioni hanno chiaramente dimostrato che gli investitori temono le conseguenze che potrebbero avere la nuova fase della guerra commerciale tra Washington e Pechino, secondo gli analisti.
 
Occhio per occhio?
 
Le sanzioni contro Apple sarebbero una risposta logica dal governo cinese, data l'importanza di Huawei per l'economia del gigante asiatico, afferma Avi Greengart, fondatore della società di analisi di mercato elettronica Techsponential.
 
" Huawei non è solo una grande azienda , è una delle poche aziende cinesi con un marchio internazionale [...] Se il governo cinese vuole vendicarsi oer le restrizioni al commercio che paralizzano Huawei, potrebbe puntare su Apple",  citato dal portale Tom's Guide .
 
Dan Ives, un analista di Wedbush Securities Company, appoggia questa idea sostenendo che è probabile che Apple possa essere l'obiettivo delle ritorsioni di Pechino.
 
La reazione di alcuni funzionari cinesi sembrano corroborare le paure degli esperti. Così, Lijian Zhao, un diplomatico cinese in Pakistan, ha pubblicato lunedì scorso sul suo account Twitter ciò che potrebbe essere interpretato come una minaccia aperta alla società statunitense.
"Guarda il logo Huawei, è una MELA tagliata a pezzi", ha scritto il diplomatico, alludendo al significato in inglese della parola "apple".
 

 
 
Finora, Pechino non ha discusso le misure future contro la società fondata da Steve Jobs. Tuttavia, gli analisti prevedono due possibili risposte.
 
Cessazione delle vendite
 
Il primo scenario sarebbe vietare la vendita di prodotti Apple. Questa sarebbe una misura dolorosa per la società, che genera il 17% dei suoi profitti dal paese asiatico, afferma Greengart.
"Qualsiasi danno al fascino del suo marchio in Cina potrebbe avere un impatto terribile e duraturo per l'azienda", secondo l'esperto.
 
Nel frattempo, i movimenti che richiedono un boicottaggio contro la società di Cupertino stanno guadagnando slancio nel social network cinese Weibo.
 
"Le funzioni di Huawei sono paragonabili a quelle del iPhone di Apple o ancora meglio. Abbiamo una buona alternativa come per i telefoni intelligenti, perché ancora utilizzare Apple?",  cita 9to5Mac riferendosi ad uno di questi commenti dei cittadini in rete.
 
Divieto di collaborare con Apple
 
La seconda risposta possibile sarebbe una replica delle sanzioni statunitensi contro Huawei che proibisce alle aziende cinesi di fare affari con la multinazionale statunitense.
 
Apple dipende in modo vitale dalle società cinesi,  che rappresentano  gran parte dei suoi 200 fornitori più importanti, ma questo passo non è molto probabile, per Greengart: "Questo non sarebbe qualcosa senza costi, Apple è un grande datore di lavoro in Cina e ha buone relazioni con il governo."
 
La minaccia di perdere parte degli  1,4 milioni di posti di lavoro generati in Cina da Apple impedisce alle autorità del Paese di essere troppo duri con la società, conferma Ives.
 
Tuttavia, l'ultima parola è nelle mani del governo cinese, che potrebbe muoversi in questa direzione, compensando le perdite per i fornitori interessati, afferma Greengart.
 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa