/ I bombardieri Su-24M lanciano 100 missili e bombe contro obiettiv...

I bombardieri Su-24M lanciano 100 missili e bombe contro obiettivi nemici nella Russia meridionale

 
 

Gli equipaggi dei bombardieri Sukhoi Su-24M hanno lanciato circa 100 missili e bombe per distruggere un nemico fittizio durante esercitazioni nella regione di Astrachan, ha riferito il distretto militare meridionale della Russia.

 

"Durante la battaglia, sono state impiegate circa 100 armi lanciate dall'aria, inclusi missili e bombe", ha dichiarato l'ufficio stampa in una nota.

 

Nel complesso, le esercitazioni su vasta scala della forza aerea dell'unità aerea del distretto militare meridionale di stanza nella regione di Volgograd e i gruppi aerei delle truppe di difesa aerea del distretto coinvolgono più di 20 aeromobili, ha specificato l’ufficio stampa all’agenzia TASS.

 

Le esercitazioni si sono svolte in due fasi. Durante la prima fase, gli equipaggi si sono esercitati per scongiurare un attacco nemico contro l'aerodromo e ridistribuire agli aeroporti nella regione di Astrakhan.

Durante la seconda fase, "i piloti hanno respinto un attacco aereo missilistico e hanno lanciato uno strike nei campi di addestramento di Kapustin Yar e Ashuluk", ha informato l'ufficio stampa del distretto.

 

I bombardieri Su-24M hanno lanciato attacchi contro il nemico fittizio dopo aver ricevuto le coordinate trasmesse dagli aerei da ricognizione Su-24MR.

 

Le operazioni aeree con obiettivi offensivi e difensivi si terranno durante dieci giorni sul territorio che va dalla Crimea al Mar Caspio e dall'Abkhazia alla regione di Astrachan. Le esercitazioni coinvolgeranno "unità e formazioni della 4a Air Force e Air Defense Army del Southern Military District, e anche unità di difesa aerea delle formazioni di tutte le armi della flotta del Mar Nero e truppe di difesa costiera.

Fonte: TASS
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa