World Affairs/Il Covid-19 ha aggravato la condizioni di vita di 690 milioni di ...

Il Covid-19 ha aggravato la condizioni di vita di 690 milioni di persone nel mondo che già soffrivano la fame

 

l'AntiDiplomatico ha bisogno del tuo aiuto. Una tua piccola donazione può essere vitale per la nostra battaglia di informazione.


di Cecilia Gonzalez - RT

L'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura, FAO,ha rivelato che la pandemia da coronavirus ha aggravato l'insufficienza alimentare in tutto il mondo, quindi è previsto un aumento del numero di persone che hanno già sofferto fame prima dell'emergenza sanitaria e che ha raggiunto 690 milioni di persone.


Lo afferma l'Agenzia nel suo più recente rapporto , intitolato 'Monitoraggio dei progressi sugli indicatori degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (SDGs) relativi all'alimentazione e all'agricoltura corrispondenti al 2020', in cui ricorda che si presumeva che il mondo non avrebbe raggiunto la maggior parte degli obiettivi per il 2030.

"La situazione non è cambiata in modo significativo quest'anno, che segna il conto alla rovescia di 10 anni per la scadenza dell'Agenda 2030. Secondo gli ultimi dati inclusi in questo rapporto, raccolti prima della pandemia del coronavirus, i progressi sono ancora insufficienti nel settore dell'alimentazione e dell'agricoltura e il mondo non è sulla buona strada per raggiungere gli obiettivi pertinenti ", si legge.
Inoltre, si ricorda che la crisi sanitaria, economica e sociale senza precedenti causata dal COVID-19 sta minacciando vite e mezzi di sussistenza, rendendo ancora più difficile il raggiungimento di questi obiettivi.

"Le ultime stime del 2019 mostrano che, prima della pandemia, circa 690 milioni di persone soffrivano la fame, ovvero l'8,9% della popolazione mondiale, con un aumento di circa 10 milioni di persone in un anno. anno e circa 60 milioni in cinque anni ".

A livello globale, ha aggiunto, l'insicurezza alimentare moderata o grave è aumentata tra il 2015 e il 2019 e si stima che attualmente colpisca il 25,9% della popolazione mondiale, il che significa circa 2 miliardi di persone.
Questa situazione comporta una componente di genere, poiché le donne hanno maggiori probabilità degli uomini di soffrire di insicurezza alimentare moderata o grave.

Prezzi, bestiame, terra, acqua

D'altro canto, la produttività e il reddito dei piccoli produttori sono sistematicamente inferiori a quelli dei grandi produttori alimentari. "Durante l'ultimo decennio, la spesa pubblica per l'agricoltura è rimasta praticamente la stessa rispetto alla quota che l'agricoltura rappresenta nel prodotto interno lordo (PIL) mondiale, che era notevolmente inferiore all'inizio degli anni 2000", si sottolinea.
Secondo il rapporto, la percentuale di paesi con un'elevata volatilità complessiva dei prezzi alimentari è diminuita nel 2017-18, ma più di un quarto ha continuato a risentire di questa instabilità.

Inoltre, solo una parte (1,3%) delle 7.600 razze di bestiame che esistono approssimativamente nel mondo ha materiale immagazzinato sufficiente per consentirne il ripristino in caso di estinzione, il che è insufficiente dato che il 73% del bestiame locale valutato rischia di scomparire.

Nonostante l'aumento segnalato degli stock mondiali di risorse genetiche vegetali per l'alimentazione e l'agricoltura (PGRFA), da 4,21 milioni nel 2005 a 5,43 milioni nel 2019, gli sforzi per garantire la diversità delle colture rimangono insufficienti, soprattutto per quanto riguarda le specie selvatiche legate alle piante coltivate e alle specie coltivate sottoutilizzate".

D'altra parte, si aggiunge, le disuguaglianze di genere nei diritti fondiari sono generalizzate, poiché in nove paesi su 10 valutati il numero di donne con diritti di proprietà o di controllo sui terreni agricoli è relativamente inferiore al numero di uomini con diritti fondiari.
"Il grado di garanzia della parità di diritti per le donne sulla terra nei quadri legali varia da molto basso a medio in oltre il 60% dei paesi valutati" si lamenta nel rapporto FAO.
Un altro problema permanente è l'acqua, poiché lo stress dovuto alla mancanza di questo liquido vitale rimane a un valore sicuro del 17% in tutto il mondo, ma ci sono regioni come l'Asia centrale e meridionale e il Nord Africa che registrano livelli molto alti, al di sopra del 70%.

Per quanto riguarda il cibo perso dopo il raccolto nella fattoria e nelle fasi di trasporto, stoccaggio e lavorazione, la FAO ha stimato che sia al 13,8% a livello globale, rappresentando una perdita di 400 miliardi di dollari ogni anno .

Pesca e foreste

Il documento riconosceva che la maggior parte dei paesi ha compiuto notevoli progressi complessivi nell'attuazione di strumenti internazionali per combattere la pesca illegale, non dichiarata e non regolamentata e per sostenere la pesca artigianale.

Tuttavia, ha aggiunto, la percentuale di stock ittici che si trovano entro i limiti della sostenibilità biologica ha continuato a diminuire, passando dal 90% nel 1974 al 68,8% nel 2017, ovvero l'1,1% in meno rispetto nel 2015.

Anche l'area forestale globale continua a diminuire, sebbene a un ritmo leggermente inferiore rispetto ai decenni precedenti, dal 31,9% della superficie totale nel 2000 al 31,2% nel 2020, rappresentando una perdita netta di quasi 100 milioni di ettari di foreste a livello globale.

"Nonostante la perdita complessiva di foreste, il mondo ha compiuto alcuni progressi nella gestione sostenibile delle foreste. Biomassa forestale fuori terra per ettaro, percentuale di superficie forestale nelle aree protette e soggetta a piani di gestione a lungo termine, così come l'area forestale certificata è aumentata o è rimasta stabile a livello globale e nella maggior parte delle regioni del mondo ", ha affermato.

Uno dei nuovi problemi generati dalla pandemia, secondo la FAO, è che ha alterato attività come i censimenti agricoli nazionali che sono essenziali sia per determinare i bisogni immediati sia per incoraggiare gli agricoltori di tutto il mondo ad applicare pratiche sostenibili.

"Questi censimenti sono stati ritardati, rinviati o sospesi in più della metà dei 150 paesi esaminati. Circa un paese su quattro afferma che il Covid-19 ha causato disturbi nei propri organismi statistici nazionali e che" quasi tutti "i Le attività di raccolta dati sono state influenzate negativamente, complicando notevolmente il lavoro della FAO", lamenta infine l'organismo ONU.
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy Change privacy settings
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa