/ Il figlio di Gheddafi invia una lettera a Putin: di cosa si tratt...

Il figlio di Gheddafi invia una lettera a Putin: di cosa si tratta?

 

All'inizio di dicembre, una lettera di Saif al Islam Gheddafi indirizzata al leader russo è stata portata a Mosca. Bloomberg afferma che il figlio dell'ex leader libico ha chiesto sostegno politico alle autorità russe.


Ai primi di dicembre, un membro dello staff politico di Saif al Islam Gheddafi, figlio del ucciso ex leader libico Muammar Gheddafi, ha portato a Mosca la lettera indirizzata al presidente russo Vladimir Putin e discusso con le autorità del paese una tabella di marcia per la soluzione la situazione in Libia.
 
La scorsa settimana, Bloomberg  ha riferito, citando una fonte a Mosca, che nella sua lettera Saif al Islam ha descritto come vede il futuro del suo paese e ha chiesto il sostegno politico dal Cremlino. Secondo questo media, Gheddafi spera che Mosca gli fornisca assistenza finanziaria e mediazione nelle trattative con i vari centri di potere attualmente esistenti nella nazione nordafricana.
 
Tuttavia, nella lettera Saif al Islam Gheddafi non ha affrontato la questione della sua candidatura alla Presidenza della Libia, ha assicurato all'agenzia Sputnik Mohamed al Galyoushi, coordinatore della suo staff politico.
 
"Abbiamo già spiegato la nostra posizione sul contenuto della lettera che Saif al Islam ha inviato al Presidente Putin attraverso il [Vice Ministro degli Affari Esteri della Russia] Mikhail Bogdanov." La lettera parla del sostegno ad una road map per risolvere la crisi per la riconciliazione nazionale , sulla partecipazione di tutti i libici nel processo di pace. Non abbiamo affrontato il tema di una candidatura per la presidenza perché è troppo presto per parlarne" ha precisato Galyoushi.
 
Ha sottolineato, inoltre, che Saif al Islam Gheddafi stesso deciderà sulla sua possibile partecipazione alle future elezioni presidenziali. "Dipende anche dalla legge che regola lo svolgimento delle elezioni, ma non è stata ancora emessa", ha aggiunto il coordinatore.
 
Nessuna conferma ancora del Cremlino
 
Tuttavia, il Cremlino non ha ancora confermato la ricezione della lettera di Saif all'Islam . "Abbiamo ancora bisogno di ricevere informazioni su questo caso dal Ministero degli Affari Esteri, perché ancora non so se è stato consegnato attraverso i canali diplomatici", ha dichiarato Dmitri Peskov, portavoce del presidente russo, ad Interfax .
 
Ricercato dal tribunale dell'Aia
 
Secondo Bloomberg, il figlio di Gheddafi potrebbe candidarsi alle elezioni nazionali che le Nazioni Unite pianificheranno di organizzare l'anno prossimo, nonostante il fatto che la Corte penale internazionale voglia processarlo per un caso del 2011 che includa due capi di imputazione per crimini contro l'umanità.
 
A novembre, Lev Dengov, capo del gruppo di contatto russo per il dialogo intra-libica, ha dichiarato a Ria Novosti che nel paese nordafricano c'è ancora " un certo gruppo di persone che sostengono tutto ciò che riguarda Gheddafi e la sua famiglia ". Questo, ha detto l'esperto, è dovuto al fatto che in Libia "prima si viveva meglio".
Tuttavia, dal momento che il figlio di Gheddafi è ancora ricercato dalla Corte all'Aja, fino a quando le sanzioni non saranno risolte, la sua partecipazione alle elezioni presidenziali sarà improbabile che sia legittima, ha aggiunto Dengov.
 
Lunedì scorso, Bogdanov ha detto  agli stessi media che a nessuno dovrebbe essere negato il diritto di partecipare alle elezioni presidenziali in Libia e che Saif al Islam e i suoi sostenitori dovrebbero essere parte integrante del processo politico del paese .
 
 
Fonte: Bllomberg
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa