/ Gli Stati Uniti inviano i marines in Medio Oriente per proteggere...

Gli Stati Uniti inviano i marines in Medio Oriente per proteggere le loro ambasciate

 

Gli Stati Uniti ha inviato diverse squadre di marines in alcuni paesi del Medio Oriente per rafforzare la sicurezza delle loro ambasciate, dopo l'annuncio di Trump di riconoscere Gerusalemme come capitale di Israele.


La decisione è stata presa oggi come una "pianificazione prudente" in Medio Oriente prima che il presidente degli Stati Uniti Donald Trump annunci che Al-Quds (Gerusalemme) come capitale del regime israeliano, hanno riferito l'emittente televisiva statunitense 'ABC News'.
 
Si prevede che il presidente degli Stati Uniti riconosca ufficialmente la città palestinese di Al-Quds come capitale israeliana e trasferisca l'ambasciata degli Stati Uniti da Tel Aviv, hanno aggiunto i funzionari statunitense citati dalla ABC News
 
Le fonti hanno anche aggunto che è stata avviata il piano per inviare una flotta di mezzi di sicurezza anti-terrorismo (FAST) della Marina statunitense ad alcune ambasciate statunitensi nella regione per rafforzare la loro sicurezza in previsione del previsto annuncio.
 
"A causa della riservatezza dell'operazione, non entrerò nei dettagli, ma il Dipartimento della Difesa ha intrapreso i passi necessari per attenuare le minacce rivolte al personale e agli interessi degli Stati Uniti.
in tutto il mondo", ha dichiarato il tenente colonnello Mike Andrews, portavoce del Dipartimento della Difesa.
 
Le squadre FAST sono composte da circa 40 marines appositamente addestrati per fornire ulteriore sicurezza alle strutture diplomatiche statunitensi. in tutto il mondo
 
Ieri Trump ha iniziato a comunicare la sua decisione ai suoi omologhi in Medio Oriente. La misura filoisraeliana ha generato avvertimenti da diversi paesi, ribadendo che tale posizione provocherà l'ira dei musulmani e impedirà qualsiasi tentativo di raggiungere una pace duratura nei territori palestinesi occupati.
 
Nessun altro paese ha un'ambasciata ad Al-Quds. Secondo il consenso internazionale, lo status della città dovrebbe essere deciso in un accordo di pace tra palestinesi ed israeliani.
 
Le fazioni palestinesi hanno anche annunciato tre "giorni di odio" da questo mercoledì, per condannare l'eventuale trasferimento dell'ambasciata statunitense. Hanno invitato i loro sostenitori di tutto il mondo a incontrarsi nei centri della città per esprimere il loro odio nei confronti del regime sionista.
 
Fonte: ABC NEWS
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa