/ VIDEO. Norman Finkelstein: Netanyahu, corrotto e razzista, è il v...

VIDEO. Norman Finkelstein: Netanyahu, corrotto e razzista, è il vero volto di Israele

 

In un'intervista, lo storico e politologo statunitense, Norman Gary Finkelstein, figlio di sopravvissuti ebrei ai campi di sterminio nazisti, ritiene che, nonostante le politiche razziste e gli scandali di corruzione, Netanyahu mantiene il potere in Israele.


Link della trascrizione dell'intervista in lingua originale

Nel corso dell'intervista concessa alla giornalista Amy Goodman per il programma televisivo 'Democracy Now', Norman Finkelstein, noto politologo e storico statunitense autore del libro 'L'Industria dell'Olocausto', nel quale si denuncia lo sfruttamento dell'olocausto da parte degli ebrei statunitensi per fini politici ed economici, pur essendo figlio di sopravvissuti ai campi di sterminio nazisti, ritiene che il potere del primo ministro israeliano Netanyahu sia ancora intatto e rappresenti il vero volto dello stato di Israele, nonostante le politiche razziste e gli scandali sulla corruzione.
 
Amy Goodman: Volevo farti una domanda su Benjamin Netanyahu e sulle indagini di corruzione che lo riguardano. Naturalmente, Benjamin Netanyahu ha recentemente parlato della sua stretta relazione con i Kushners, che ha dormito nella stanza di Jared Kushner quando ha visitato gli Stati Uniti quando era ancora un ragazzo.
Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu affronta una controversia politica interna dopo che un canale televisivo israeliano ha trasmesso una registrazione audio segreta di suo figlio a uno strip club nel 2015. Nella registrazione, Yair Netanyahu ha parlato prostitute, chiedendo soldi al figlio di un magnate del gas israeliano. Yair sottintese che suo padre, il primo ministro Netanyahu, aiutò a per un affare da 20 miliardi di dollari a beneficio dell'uomo d'affari, dicendo: "Mio padre ha organizzato 20 miliardi di dollari per il tuo e battibecchi per 400 shekel [120 dollari]? In un momento in cui il primo ministro Netanyahu sta affrontando molteplici indagini sulla corruzione.
 
A settembre, Yair Netanyahu è stato al centro di un'altra vicenda controversa pubblicando una caricatura antisemita su Facebook. I suprematisti bianchi, tra cui l'ex leader del Klan David Duke, Yair Netanyahu si sono congratulati per la pubblicazione di una foto del miliardario George Soros sulla cima di una catena alimentare, penzoloni di fronte al mondo e un rettile di fronte all'ex primo ministro Ehud Barak, un frequente critico di suo padre, Benjamin Netanyahu. Successivamente, David Duke si è congratulato con lui su Twitter. È una storia sconcertante, riportata da Slate e altri media.
 
Puoi dirci cosa sta succedendo ora? Le indagini sulla corruzione mettono a rischio Netanyahu? E che mi dici di suo figlio?
 
Norman Finkelstein: Bene, passerò brevemente all'ultimo punto e poi passerò al nocciolo della questione, che ritengo sia il cuore delle domande che poni. La relazione tra suo figlio e Netanyahu, tra Yair [Netanyahu] e suo padre, Benjamin Netanyahu, è molto simile a quella tra Jared e Donald Trump. Sono individui privilegiati, corrotti e insignificanti.
 
Ma la domanda che hai posto sulla corruzione in generale è una domanda interessante. Non sei anziana come me, ma puoi tornare abbastanza lontano (nella tua memoria) per ricordare che durante la nostra gioventù, Israele era molto austero. Era un posto semplice e relativamente "onesto". È questa l'immagine di Israele che rimane nelle menti di molti ebrei americani, ad esempio, che hanno oltre 50 anni. E così, al momento, se si prende, per esempio, negli anni '70, Yitzhak Rabin, che era il primo ministro, ha dovuto lasciare il suo posto. Fu costretto a dimettersi perché sua moglie aveva aperto un conto in banca - un semplice conto bancario - negli Stati Uniti.
E a quanto pare, non c'erano nemmeno soldi su questo conto, se non ricordo male. Ma al giorno d'oggi, è solo uno scandalo dopo un altro scandalo dopo un altro scandalo dopo un altro scandalo. E ciò che è notevole è che in realtà non influisce sulla posizione di Benjamin Netanyahu. Nonostante una serie di scandali, è rimasto al potere per un periodo notevolmente lungo.

 
La domanda è: perché? E penso che la risposta sia questa: perché, piaccia o no, è il vero volto di Israele. È un individuo spregevole, un razzista, un suprematista ebreo. E questo è il modello  per l'intera popolazione. Ora, non sto dicendo che è nel loro DNA. Non sto dicendo che è genetico. Ma lo stato di Israele è degenerato in qualcosa di veramente straziante. Ed è ...
 
Amy Goodman: Aspetta, questo non è chiaramente il caso per l'intera popolazione. Ci sono molti critici. C'è un movimento per la pace.
 
Norman Finkelstein: Beh, no, direi ... Sai, Amy, mi piacerebbe che fosse così. Mi piacerebbe che fosse così. Ma se chiedi alla critica se stessa, se chiedi un Gideon Levy, un Amira Hass, ...
 
Amy Goodman: che scrive per Haaretz.
 
Norman Finkelstein: Sì. Se fai la domanda a B'Tselem, a ...
 
Amy Goodman: il gruppo per i diritti umani.
 
Norman Finkelstein: Sì. (Se fai la domanda a) Break the Silence, il gruppo di soldati, ti diranno che non rappresentano nessuno. Ti diranno che non rappresentano più nessuno. C'è stato un periodo in cui rappresentavano almeno un fattore nella vita israeliana. Ma questo non è più il caso. E il fatto che Benjamin Netanyahu rimanga al potere, nonostante la successione di scandali, mostra quanto questa società sia degenerata.
Mi sembra che Gideon Levy, l'editorialista, abbia fatto un commento l'altro giorno che ho trovato molto interessante. Ha detto: gli israeliani vedono un ragazzo su una sedia a rotelle - ha perso entrambe le gambe - a Gaza. Sta tenendo una bandiera. Gli sparano proprio tra gli occhi, un cecchino. Tutti lo vedono in video. Dice che nessun israeliano ha mai avuto importanza. Poi un altro bambino viene ucciso. In questo caso, il secondo caso, un bambino viene ucciso. Una terza persona viene uccisa. A tutti non importa. Ma c'è una cosa di cui gli israeliani si preoccupano: la ragazza, Ahed Tamimi, ha schiaffeggiato un soldato israeliano. Questo causa l'isteria. Come un palestinese osa schiaffeggiare un soldato israeliano? Ma atrocità quotidiane ...
 
Amy Goodman: Ricordiamo che ha schiaffeggiato il soldato dopo che suo cugino di 14 anni è stato colpito al volto da vicino dai soldati israeliani, e stava appena uscendo dal coma.
 
Norman Finkelstein: E vivere sotto l'occupazione, vivere attraverso la devastazione, caos nella vostra casa, il vostro quartiere, questi soldati che ti molestano continuamente, è prepotenza, intimidazione, minaccia. Ma l'unica domanda per Israele è: come questa ragazza osa schiaffeggiare un soldato? Per quanto riguarda gli (palestinesi) uccisi, non hanno importanza. [...]


 
 
Fonte: https://www.democracynow.org
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa