/ Iran: Trump pensi ai milioni di americani "senza cibo né casa" ne...

Iran: Trump pensi ai milioni di americani "senza cibo né casa" negli Stati Uniti

 

Il ministero degli Esteri iraniano ha esortato il presidente degli Stati Uniti Donald Trump a concentrarsi sui problemi che affliggono il suo stesso paese, piuttosto che fingere di simpatizzare con gli iraniani, già definiti terroristi.


"Invece di perdere tempo a pubblicare tweets inutili e offensivi su altre nazioni, sarebbe meglio che (Trump) si occupasse con gli affari interni del proprio paese", ha dichiarato, oggi, il portavoce del ministero degli Esteri iraniano, Bahram Qasemi.
 
Con queste parole, il diplomatico iraniano ha criticato i commenti di Trump, noto in tutto il mondo per i messaggi controversi pubblicati sul social network Twitter- sulle recenti proteste nel paese persiano, alcuni tweets in cui ha detto che gli iraniani "sono affamati."
 
In effetti, Qasemi ha ricordato al presidente statunitensi che negli stessi Stati Uniti. ci sono "milioni di persone che hanno né cibo né casa", per poi fare riferimento alla violenza armata e le uccisioni che avvengono ogni giorno, decine di statunitensi a seguito delle sparatorie che si verificano nel loro territorio.
 
Questa posizione "contraddittoria e controversa" di Trump rispetto agli iraniani non è nulla di nuovo, ha aggiunto Qasemi, e in seguito ha ricordato che il presidente degli Stati Uniti in precedenza aveva etichettato la nazione persiana come un "terrorista" e successivamente ha poi mostrato pietà della "brava gente" dell'Iran.

 
Allo stesso modo, ha sottolineato che il magnate di New York è la stessa persona che ha oltraggiato tutti gli iraniani quando ha usato una nomenclatura errata per riferirsi al Golfo Persico.
 
Tuttavia, ha affermato che gli iraniani non solo ignorano Trump, ma anche, "senza dubbio, reagiranno contro i suoi insulti" anti-iraniani, poiché, ha aggiunto, è una paese con una "cultura ricca e una civiltà millenaria", che non tollera alcun tipo di offesa.
 
"Lui (Trump) deve imparare dal vecchio codice morale iraniano delle buone azioni e delle buone parole, e applicarlo al suo stesso comportamento", ha concluso il portavoce degli Esteri iraniano.
 
Fonte: Hispantv
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa