/ 'In Gold We Trust': la fiducia calante negli USA porta le banche ...

'In Gold We Trust': la fiducia calante negli USA porta le banche centrali del mondo a comprare oro

 

Di recente, i governi di tutto il mondo hanno partecipato a una "corsa all'acquisto di oro". Questi paesi hanno una buona ragione per farlo, e questo motivo direttamente legato all'anticipazione dell'inevitabile fine dell'egemonia statunitense.


Segue l'analisi di Darius Shahtahmasebi
 

Le banche centrali sono tra i maggiori acquirenti di oro. Finora nel 2019, hanno acquistato 145,5 tonnellate di oro, che è più di un quarto di un anno che le banche centrali hanno acquistato nei sei anni precedenti. Per dirla chiaramente, questa cifra rappresenta un aumento del 68% rispetto all'anno precedente. Lo scorso anno le banche centrali hanno aumentato le proprie riserve di 651,5 tonnellate rispetto alle 375 tonnellate del 2017. Si tratta, secondo le stime, del più grande acquisto netto di oro dal 1967.

 
La cosa più interessante, tuttavia, è che la classe di paesi che troviamo si sta avviando ad accaparrarsi sempre più oro, molti dei quali sono considerati avversari di Washington.
 

Come sempre, la Russia è il più grande acquirente di oro. 
 

Nel 2018, la Banca centrale russa ha acquistato 274,3 tonnellate di oro. Ha anche scaricato l'84% dei suoi debiti del Tesoro USA (torneremo sul perché questo è importante in seguito).
 

La Turchia, un altro paese che ha segnalato uno spostamento dall'alleanza USA-UE e una maggiore disponibilità a cooperare con i rivali economici e militari statunitensi come la Russia, la Cina e persino l'Iran, ha venduto circa il 38% del debito USA e acquistato sempre più oro.
 

Altre nazioni degne di nota che aumentano la loro offerta di oro includono Kazakistan, Ecuador, Qatar, Serbia e Colombia, secondo recenti statistiche. Persino le Filippine si sono unite al carro dell'oro, aumentando le riserve auree nelle riserve estere, oltre che approvando una legislazione specifica sull'oro per aiutare i minatori su scala ridotta nel paese.
 

Perché l'oro?
 

Come merce, l'oro è interessante per una serie di motivi. Mentre molti paesi possono avere un interesse personale ad allontanarsi dalla morsa degli Stati Uniti e contare sempre meno sul dollaro, dobbiamo ancora chiederci: perché l'oro fornirà una soluzione significativa nel frattempo?
 

Bene, come spiega il rapporto annuale di "In Gold We Trust" di Incrementum AG : "la fiducia guarda al futuro, si forma nel presente e si nutre del passato. Come bene monetario, l'oro può contare su una storia di successo di cinquemila anni in cui è stata in grado di mantenere il suo potere d'acquisto per lunghi periodi di tempo e non è mai diventata inutile. L'oro è il patrimonio di riserva universale a cui le banche centrali, gli investitori e i privati ??di ogni angolo del mondo e di ogni religione e ogni classe continuano a fare ricorso.”


Vedete, questo non riguarda solo un desiderio segreto e contorto di una manciata di nazioni che cercano la distruzione dell'economia degli Stati Uniti. In effetti, mi azzarderei a dire che è l'esatto contrario. Riguarda l'erosione della fiducia. Non ci si può più fidare degli Stati Uniti per agire equamente sulla scena internazionale. Impone la sua volontà ad altre nazioni, usando la leva finanziaria che mantiene il dollaro USA fino alla sottomissione. Come ha affermato il ministro degli Esteri iraniano Mohammad Javad Zarif in una recente intervista:" Questo è ciò che credo stia accadendo alla comunità internazionale ... cioè le persone pensano due volte prima di parlare con gli Stati Uniti perché sanno che ciò che sono d'accordo oggi potrebbe non valere domani.”

 
In sostanza, l'oro dà alle persone "conforto". Non devi andare troppo lontano per vedere questo tipo di pensiero diffondersi a nazioni che un tempo erano considerate alleati stretti di Washington. Secondo il Free Malaysia Today, il primo ministro malaysiano Dr Mahathir Mohamad ha recentemente chiesto la formazione di una nuova valuta sostenuta dall'oro, che secondo lui avrebbe protetto le economie dell'Asia orientale dalla manipolazione degli speculatori.
Ha anche riferito di aver parlato dell'influenza degli Stati Uniti e di come non fosse vantaggioso che i mercati finanziari internazionali fossero legati a una moneta unica appartenente a uno stato nazionale.
" Voi [gli Stati Uniti] non siete democratici ", ha detto Mohamad. "Non è un singolo potere a decidere. Se vuoi vivere in un mondo unito, un mondo stabile, dobbiamo fare ricorso alla sostenibilità attraverso l'accordo tra tutte le nazioni che hanno un interesse in questo problema."
 

Tallone d'Achille economico di Washington
 
C'era una volta, il dollaro USA era sostenuto dal gold standard in un quadro noto come l'accordo di Bretton-Woods. Il sistema finì per essere di breve durata, dal momento che il presidente Richard Nixon annunciò che gli Stati Uniti avrebbero abbandonato il gold standard nel 1971.
Invece, l'amministrazione Nixon raggiunse un accordo con l'Arabia Saudita che divenne noto come il sistema di riciclaggio del Petrodollaro in quanto le nazioni coinvolte avrebbero devono investire gli utili in eccesso negli Stati Uniti. Prima o poi, ogni singolo membro dell'OPEC aveva iniziato a scambiare petrolio in dollari USA.
 

Sebbene sia tipicamente redatta come una teoria della cospirazione, una teoria economica ampiamente sottovalutata stabilisce che la capacità di Washington di dominare i mercati finanziari globali è principalmente spiegata dal fatto che tutte le esportazioni di petrolio sono condotte in transazioni che coinvolgono il dollaro USA sul mercato internazionale (con piccolo numero di eccezioni). Il dollaro USA è anche la valuta di riserva mondiale, il che significa che la maggior parte delle transazioni globali viene comunque effettuata utilizzando il dollaro.
 

Anche le riviste mainstream che rifiutano la teoria - come Foreign Policy - sono costrette a notare che:

" Poco importa che il commercio avvenga in genere in dollari. Ciò significa che coloro che desiderano acquistare petrolio devono acquisire dollari per acquistare il petrolio, il che aumenta la domanda di dollari nei mercati finanziari mondiali ".
 

Quelle persone che scrivono questo accordo come una teoria della cospirazione non stanno leggendo i commenti giusti. Fin dal 1989, scrivendo nel suo libro The Roaring '80, Rhodes Scholar, conduttore televisivo vincitore di un Emmy Award e membro di Wall Street George Goodman (aka Adam Smith) ha brillantemente spiegato perché il dollaro USA era così forte e doveva ancora aver una bolla scioccante:"In primo luogo, abbiamo una grande riserva di credito morale dalla nostra posizione di leader militare mondiale e dal nostro passato di investitore e prestatore. In secondo luogo, il dollaro è la valuta chiave. I dollari sono ciò che il mondo investe, assicura, denominano. Prima del dollaro, era la sterlina inglese, e gli inglesi ottennero un'estensione sul mandato del loro impero perché il mondo non aveva trovato un'altra valuta in cui denominare. Se operi nella valuta della chiave, ci vuole più tempo per soffiare il fischio." 
 

Anche se fosse una teoria pazzesca, senza fondamento di cospirazione per le comunità di YouTube marginali, questi sono i termini in cui il resto del mondo vede certamente questo accordo finanziario unilaterale. Questa linea di pensiero spiega anche perché gli Stati Uniti usano la loro morsa sul dollaro per spaccare altri paesi alla sottomissione attraverso l'uso di sanzioni. Spiega anche perché le altre nazioni vedono il potere di Washington sul settore finanziario globale come il suo tallone d'Achille alla fine.
 

Come ha affermato il capo della seconda banca russa Andrei Kostin in un discorso, "ill regno del dollaro deve finire ... Questa frusta, che gli americani usano nella forma del dollaro, non avrebbe, in larga misura, un impatto così grave sul sistema finanziario globale.”
 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa