/ In Siria, Israele e Iran potrebbero ancora scontrarsi, mentre l'e...

In Siria, Israele e Iran potrebbero ancora scontrarsi, mentre l'esercito siriano prepara l'offensiva a sud del paese

 

Israele e Iran potrebbero scontrarsi nel prossimo futuro mentre l'esercito arabo sirianosi prepara a lanciare un massiccio offensiva nelle province meridionali di Dara'a e Quneitra.

 
Secondo una fonte militare di Damasco citata dal portale 'Al Masdar News', l'imminente offensiva dell'esercito arabo siriano nei governatorati di Dara'a e Quneitra subirà probabilmente interfenze israeliane a causa dei timori del regime israeliano su una più ampia presenza di Hezbollah e degli iraniani lungo le alture del Golan.
 
La partecipazione dell'Iran a questa offensiva nella Siria meridionale sarà limitata, ma Israele considera ogni movimento dell'Esercito siriano come una minaccia alla sua sicurezza.
 
In passato, le truppe dell'esercito siriano a Quneitra sono state assalite dalle forze israeliane nelle alture del Golan occupate, nonostante questi attacchi spesso favoriscano anche i gruppi jihadisti nell'area.

 
Mentre Israele probabilmente preferisce avere i gruppi di opposizione, ISIS e altri gruppi jihadisti al loro confine, questi ultimi non saranno in grado di resistere ad un'offensiva su larga scala se l'esercito siriano avanzerà sulle alture dalla parte occidentale della provincia di Dara'a occidentale.
 
Il primo obiettivo dell'esercito siriano sarà quello di conquistare la città collinare strategica di Tal Al-Harrah in mado tale da avere sotto tiro gran parte del Governatorato di AQuneitra.
 
Quello che accadrà dopo la liberazione di Tal Al-Harrah sarà fondamentale perché se l'Esercito siriano si spingerà verso il capoluogo di provincia di Quneitra, potrebbe scatenare una risposta da parte di Israele.
 
Fonte: Al Masdar News
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa