/ Incontro Putin-Xi Jinping: Mosca e Pechino difendono l'uso delle ...

Incontro Putin-Xi Jinping: Mosca e Pechino difendono l'uso delle monete nazionali nel commercio

 

Il giorno prima, il presidente russo ha tenuto una riunione durante lo stesso forum con il primo ministro giapponese Shinzo Abe.


Ieri, il presidente russo Vladimir Putin ha incontrato il suo omologo cinese, Xi Jinping, durante l'Oriental s Economic Forum tenutosi nella città russa di Vladivostok.
 
Putin ha dichiarato che Mosca e Pechino difendono l'uso delle valute nazionali nel commercio bilaterale. "Da parte russa e cinese è stata confermata interesse per un più attivo delle monete nazionali nel commercio bilaterale", ha dichiarato il presidente russo, aggiungendo che questo "aumenterà la stabilità" delle operazioni bancarie in esportazioni e importazioni "contro i rischi che i mercati mondiali affrontano".
 
Il presidente russo ha valutato positivamente il rapporto di fiducia tra Mosca e Pechino nel campo della politica, della sicurezza e della difesa. Putin si è dichiarato "soddisfatto" per la possibilità di ricevere il capo di Stato cinese in Russia, aggiungendo che i due leader hanno "contatti regolari" e Xi "presta molta attenzione allo sviluppo delle relazioni russo-cinesi".

 
Il leader russo ha evidenziato l'aspetto economico nelle relazioni tra Mosca e Pechino, prevedendo che gli scambi tra i due paesi raggiungeranno i 100 miliardi di dollari quest'anno. Il leader russo ha indicato che lo scorso anno il commercio russo-cinese si è attestato a 87 miliardi di dollari.
 
Il giorno prima, Putin ha tenuto una riunione durante lo stesso forum con il primo ministro giapponese Shinzo Abe. Il presidente russo ha commentato che in quella riunione i principali argomenti delle relazioni bilaterali sono stati discussi "in dettaglio", inclusi gli aspetti economici, commerciali e di investimento.
 
Fonte: RT
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa