World Affairs/La "battaglia" contro il Covid in un mondo frammentato ha rovinat...

La "battaglia" contro il Covid in un mondo frammentato ha rovinato miliardi di vite

 

"Le persone sono persone, non numeri"


di Andre Vltchek 

  
Non si tratta solo di sopravvivere fisicamente alla pandemia. Alla gente mancano le persone e i luoghi cari, a volte disperatamente. E le persone muoiono, quando separati.

 
Siamo bombardati da statistiche e numeri. Siamo spaventati dai racconti di media sempre più terrificanti, da immagini scioccanti e, allo stesso tempo, dalle previsioni di caduta economica e sociale. Giorno e notte, giorno e notte.
 
Ma in qualche modo, così spesso durante questa cosiddetta emergenza di coronavirus, tendiamo a dimenticare che le persone sono persone, non numeri, e che la nuda sopravvivenza è lontana da tutto.
 
*
 
Per decenni ci ripetono: “Vivete in un mondo globalizzato. I confini sono diventati ridondanti ”. Alcuni con riluttanza, altri felici, hanno accettato.
 
I ricchi occidentali hanno invaso tutti gli angoli del mondo con i loro yacht, ville e la terza e la quarta casa.
 
Le povere cameriere filippine e indonesiane e gli impiegati degli hotel sono emigrati nel Golfo, in cerca di posti di lavoro con una paga dignitosa.
 
I matrimoni e le relazioni interrazziali e intercontinentali sono divenute la norma.
 
Alla fine del 2019, centinaia di milioni vivevano in parti del mondo diverse da dove erano nati.

Per diversi motivi, sia individui ricchi che poveri.

Per alcuni è diventato uno stile di vita, per altri la nuda necessità.
 
Nel bene e nel male, le culture si intrecciavano sempre più. Per molti, il colore della pelle era sempre più irrilevante, almeno per quelle poche centinaia di milioni, che hanno vissuto su questo pianeta Terra, non solo in Asia o Europa, Oceania, Medio Oriente, Sud o Nord America.
 
Ho scritto molto su questa tendenza. In parte è stato chiaramente positivo, ma ho criticato - e decisamente - molti elementi.
 
Ma era la realtà, e come molti di noi credevano, irreversibile, permanente.
 
Gli esseri umani stavano spezzando le catene del loro passato. All'improvviso, si sono sentiti liberi di uscire dalle loro culture, religioni, abitudini tradizionali. Hanno formato relazioni con esseri umani provenienti da altre parti del mondo. Sposavano persone con culture e background completamente diversi. Si stavano trasferendo in luoghi lontani. E non solo i giovani. Spesso i loro genitori, sedotti dalla voglia di viaggiare, stavano decidendo di ritirarsi a migliaia di miglia di distanza.
 
Uomini e donne stavano facendo ricerche, nelle foreste pluviali profonde, alcuni decidevano di rimanere lì, per sempre. Altri stavano rovinando queste foreste, diventando ricchi grazie al saccheggio più spudorato.
 
Tante storie, buone e cattive. Tante ragioni, meravigliose e orribili, della vita globalizzata o internazionalizzata.
 
Poi improvvisamente, la fine. Punto!
 
Il COVID-19, o forse è meglio chiamarlo romanzo coronavirus, è arrivato nelle nostre vite.
 
Veniva dal nulla, il suo tasso di mortalità era basso, più o meno quello dell'influenza comune, ma notevolmente più contagioso.
 
Improvvisamente, il nostro mondo si è fermato.
 
Quasi tutte le proverbiali libertà sono state portate via alla gente. Così velocemente e senza plebisciti, referendum, dibattiti. Polizia, droni, sorveglianza, sono stati rapidamente impiegati contro i cittadini, praticamente ovunque.
 
E poi, quasi dall'inizio della pandemia, i confini hanno iniziato a chiudersi. I confini, che ci veniva detto, erano lì per rimanere aperti, per sempre.
 
I cambiamenti sono stati attuati così rapidamente, che la maggior parte di noi non ha avuto il tempo di reagire. Osservammo, impotenti, mentre le frontiere si chiudevano, le compagnie aeree cancellavano i voli e il movimento delle persone si fermava bruscamente.
 
Oltre i confini, scomparendo oltre l'orizzonte, c'erano le nostre famiglie, i nostri cari, i nostri colleghi e compagni, nonché i paesi e le città per cui desideravamo ardentemente.
 
*
 
Non c'era molto che potessimo fare, perché questo brutale blocco globale è stato eseguito "per il nostro bene". Ci siamo trovati al riparo in prigione, "così noi e altri potremmo sopravvivere". O è quello che ci è stato detto.
 
Non ci è stato permesso di correre rischi, né di osare. Nemmeno ai nostri cari è stato permesso di osare.
 
Siamo diventati tutti morbidi e così facili da manipolare. Tutto ciò che parla di libertà e democrazia è stato rapidamente dimenticato.
 
In uno o due mesi, il nostro pianeta è diventato frammentato, come mai prima d'ora. I confini sono stati chiusi, anche tra i paesi di Europa, Asia, America Latina, Africa, Medio Oriente.
 
Gli europei, ad esempio, che sono stati costretti a grandi sacrifici in cambio di un continente senza confini, sono improvvisamente bloccati con quei sacrifici, ma anche con le frontiere ricostruite.
 
Con una velocità sconvolgente, tutti i guadagni ottenuti dall'umanità - i guadagni verso un mondo aperto – sono stati annullati, liquidati.
 
Devo ripetere: alle persone non è stato chiesto. Nessuno li ha consultati.
 
Mentre diverse compagnie aeree hanno iniziato a ricevere miliardi di dollari in sussidi governativi, non vi è stato alcun risarcimento per quelle centinaia di milioni di persone le cui vite sono state praticamente rovinate, ridotte a quasi nulla dai divieti di viaggio, che hanno portato a imprigionare delle moltitudini nelle loro attuali posizioni .
 
*
 
Al momento, quasi tutto il Sud America è "fuori portata", così come l'Asia. Gli stranieri non possono entrare negli Stati Uniti. In realtà, la maggior parte dei paesi si è trasformata in fortezze.
 
Immaginate di avere parenti che vivono in una parte diversa del mondo. Immaginate che il tuo coniuge sia lì, da qualche parte, o la tua casa o un lavoro importante che ami appassionatamente. Immaginate che un governo neoliberista stia usando il blocco COVID-19 per coprire l'accelerazione della distruzione delle sue foreste pluviali, come sta accadendo proprio ora in luoghi come il Brasile e l'Indonesia. Immaginate che tali governi stiano espropriando gli indigeni e non potete continuare il vostro lavoro, che consiste nell'esporre crimini contro l'umanità e la natura.
 
Milioni di persone dipendono dal tuo lavoro investigativo, ma non puoi andare. I confini sono chiusi, gli aerei non volano. "È tutto per il tuo bene". "È tutto per il bene degli altri".
 
Potresti chiedere: “Che dire del bene di quei milioni che vengono derubati, impoveriti, persino uccisi da eventi non correlati o solo parzialmente correlati al COVID-19? Hanno il diritto di vivere? Hanno il diritto di essere protetti, difesi? "
 
Ma non molti fanno queste domande! E se lo fanno, i mass media non prestano attenzione.
 
Il romanzo coronavirus, a quanto pare, ora è tutto ciò che conta, almeno per alcuni o per la maggioranza. O per il regime.
 
È come quei proverbiali ospedali, che stanno facendo morire le persone per cancro e ictus, perché i loro pronto soccorso e letti vengono utilizzati esclusivamente per il trattamento di pazienti COVID-19.
 
C'è qualcosa di essenzialmente e moralmente sbagliato in questo approccio. Qualcosa di profondamente sbagliato, anche filosoficamente e logicamente.
 
*
 
I governi in Europa, ad esempio, hanno il diritto di dire a un marito la cui moglie sta morendo in Giappone o in Corea, che non può saltare su un aereo e andare, per stare con lei?
 
A uno scienziato può essere impedito di volare in un laboratorio, dall'altra parte del mondo, se sta lavorando a qualche progetto urgente che potrebbe migliorare la vita sul nostro pianeta?
 
Possono impedire a me di volare in Venezuela, dove mercenari statunitensi e colombiani hanno appena tentato l'ennesimo colpo di stato contro un governo legittimo?
 
Apparentemente, la risposta è "Sì!"
 
È il "nuovo normale" sì.
 
Quattro o cinque mesi fa, tutto sarebbe stato considerato folle, inaccettabile, persino criminale.
 
Ma ora, una pandemia di influenza, ha improvvisamente creato una nuova "moralità", nonché regole e norme completamente nuove per l'umanità.
 
E non dobbiamo cercare solo missioni importanti o situazioni di vita o di morte.
 
Ci sono centinaia di milioni, forse miliardi di persone, che vivono semplicemente su questo nostro meraviglioso pianeta, non in un solo paese particolare, e che non possono esistere in nessun altro modo. La loro cultura è il multiculturalismo. Non dico che sia buono o cattivo. È semplicemente un dato di fatto. La loro salute, persino le forniture mediche, dipendono da questo "stile di vita", nonché dal loro benessere emotivo e dal loro lavoro.
 
Senza essere in grado di viaggiare, le loro relazioni personali stanno andando in pezzi, le loro case e appartamenti stanno letteralmente crollando e la loro vita sta perdendo il suo significato.
 
Qualcuno sta compilando statistiche su quante vite umane sono state colpite o addirittura rovinate in questo modo? Il numero è decisamente sconcertante.
 
*
 
Cuatela, certo! La cautela è essenziale. Il coronavirus non deve essere preso alla leggera. Ma non gli approcci estremi, che potrebbero, per decenni a venire, ritardare quegli innumerevoli guadagni positivi che sono stati fatti dalla nostra civiltà.
 
Viaggiare, esplorare; conoscere “l'altro”, cercare di capire, di vivere insieme come un'unica umanità: questo è uno dei grandi progressi fatti dall'umanità. Imperfetto, a volte ipocrita o senza cuore, ma comunque un grande progresso. Non si tratta di globalizzazione, ma di internazionalismo, quando le cose vengono fatte al meglio.
 
Pensavamo di poter dare per scontati questi progressi. Credevamo fortemente che non potessero esserci tolti.
 
Abbiamo combattuto per gli altri, per le persone di tutte le nazionalità e razze, per poterne godere. Pensavamo di poter vincere.
 
E ora, all'improvviso, ci siamo resi conto che tutto era solo un miraggio.
 
Uno sciopero di una penna da parte di un funzionario del governo, e tutte le nostre libertà possono scomparire, essere cancellate. Veniamo spinti nell'angolo, come se fossimo bovini o bambini dell'asilo.
 
I veri diritti sono quelli che non possono mai, in nessun caso, toglierci.
 
*
 
Quello che spaventa di più è l'assolutismo, l'estremismo con cui sono stati introdotti i nuovi regolamenti.
 
Uno stato d'assedio, forse, ma non del tutto incarcerato.
 
Il viaggio avrebbe potuto essere reso difficile, ma ancora possibile.
 
Lo dirò con un aneddoto, ma c'è del vero: ho una maschera antigas da combattimento, che uso quando copro rivolte, manifestazioni violente e rivoluzioni. Ha un filtro enorme. Se non lo indossassi, non potrei essere infettato o infettare altre persone su un aereo. Se ciò non bastasse, sarei disposto a indossare un completo usa e getta di plastica, per esempio dal Sud America all'Asia, con punti di transito in Europa. Sarebbe un modo estremamente scomodo, ma sicuro (per me e per tutti) di viaggiare. E quando in Asia, diciamo il Giappone, sarei felice di sottopormi a un'auto-quarantena di 14 giorni. E persino pagare una tariffa ragionevole, per il "fastidio".
 
Ma se ho davvero bisogno di andare, se è una questione di vita o di morte per me, ci dovrebbe essere un'opzione draconica per me e per milioni come me.
 
Ma non c'è! I confini di tutta l'Asia e del Sud America sono chiusi, ermeticamente. Perfino i confini degli Stati Uniti sono sigillati, nonostante abbia il più alto tasso di persone infette. Solo i cittadini e i titolari di carta verde possono salire a bordo degli aerei in entrata.
 
E così, le vite umane continuano a essere rovinate, su una scala inimmaginabile.
 
Nulla, assolutamente nulla può essere fatto, sembra. Tutti noi siamo in balia dei nostri regimi.
 
Non ne avevamo idea, ma ora lo sappiamo.
 
Anche quando queste restrizioni saranno revocate, nulla sarà mai più "normale". Le persone saranno ben consapevoli del fatto che le loro vite possono essere nuovamente frantumate, con qualsiasi pretesto, in qualsiasi momento.
 
*
 
Se una cura, o prevenzione, sono dieci volte, o addirittura cento volte più letali della malattia, allora è immorale applicarle.
 
Inoltre, è essenziale ricordare che ci sono molti modi diversi in cui gli esseri umani possono morire. Alcune persone potrebbero facilmente morire anche se i loro polmoni sono intatti e il cuore batte. Potrebbero morire dal dolore, dall'assenza di persone care o dall'insensatezza della vita in isolamento.
 
La lotta di oggi e il combattimento non dovrebbero essere esclusivamente contro il COVID-19. La battaglia dovrebbe essere semplicemente per la vita, per ogni vita umana, non importa quali virus, condizioni o circostanze la stiano mettendo in pericolo.
 
[First published by the 21 Century Wire]
 
Andre Vltchek is a philosopher, novelist, filmmaker and investigative journalist. He has covered wars and conflicts in dozens of countries. Five of his latest books are “China Belt and Road Initiative”, China and Ecological Civilization” with John B. Cobb, Jr., “Revolutionary Optimism, Western Nihilism”, the revolutionary novel “Aurora” and a bestselling work of political non-fiction: “Exposing Lies Of The Empire”. View his other books here. Watch Rwanda Gambit, his ground-breaking documentary about Rwanda and DR Congo and his film/dialogue with Noam Chomsky “On Western Terrorism”. Vltchek presently resides in East Asia and Latin America, and continues to work around the world. He can be reached through his website, his Twitter and his Patreon.
 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy Change privacy settings
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa