/ Il massiccio schieramento di soldati in Medio Oriente non dichiar...

Il massiccio schieramento di soldati in Medio Oriente non dichiarato dagli USA

 

Gli Stati Uniti hanno inviato migliaia di soldati in Medio Oriente e Afghanistan più di quanto hanno affermato, secondo un rapporto del Pentagono.


Il rapporto trimestrale sullo stato delle truppe statunitensi, pubblicato ieri dal Pentagono ha riferito che, fino al 30 settembre, gli USA avevano stanziato 1720 soldati in Siria. Questo numero è sensibilmente più alto della cifra riferita dai portavoce militari, vale a dire 503 militari. A riportalo è il quotidiano nordamericano 'The Washington Post'.
 
Per quanto riguarda l'Iraq, il rapporto era di 8892 soldati schierati, che supera di migliaia la cifra ufficiale annunciata: 5.222 soldati.
 
Secondo i dati pubblicati, in Afghanistan ci sono 15.298 soldati statunitensi, un numero superiore ai 14.000 che il Pentagono ha specificato diverse settimane fa. Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha ordinato ad agosto di inviare in questo paese altre 3900 unità.

 
Da parte sua, il portavoce del Pentagono, il colonnello Robert Manning, ha sottolineato che il rapporto riflette solo una valutazione preliminare del dispiegamento in Medio Oriente, tenendo conto di circostanze come lo spiegamento a breve termine e la rotazione delle forze in alcuni paesi.
 
"Non sono una stima ufficiale del numero di militari", a differenza dei "dati presentati in precedenza", circa 5.000 in Iraq e circa 500 in Siria, ha aggiunto.
 
In Iraq e in Siria, la presenza delle forze statunitensi è stata sempre criticata e denunciata dalle forze politiche e dalle autorità. Il governo siriano ha ripetutamente invitato i contingenti militari statunitensi "invasori" a lasciare il paese.
 
 
Fonte: The Washngton Post
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa