/ La proposta di Washington alla Polonia: Tagliare i legami con Ira...

La proposta di Washington alla Polonia: Tagliare i legami con Iran e Cina in cambio di basi USA

 

Il Segretario di Stato statunitense Mike Pompeo è arrivato a Budapest ieri, dando il via a un tour a più tappe dell'Europa centrale nel tentativo di cementare le partnership nella regione contro altre grandi potenze, tra cui Russia e Cina.


Washington si prepara a offrire a Varsavia una maggiore presenza militare USA in Polonia in cambio di un rifiuto polacco di impegnarsi in una più stretta cooperazione con la Cina e l'Iran, ha riferito al giornale Rzeczpospolita, citando fonti diplomatiche.
 
"La situazione è molto dinamica, al momento gli americani stanno migliorando la loro offerta qualitativamente, nella sua essenza è che nessuno al mondo dovrebbe avere alcun dubbio sul coinvolgimento incondizionato dell'America nella difesa della Polonia", ha riferito una fonte diplomatica di alto rangoal giornale.
Secondo Rzeczpospolita, l'obiettivo principale della visita del Segretario Pompeo in Ungheria, Polonia e Slovacchia questa settimana sarà quello di convincere questi paesi a "resistere" alla crescente influenza cinese. 
"Non si tratta solo di abbandonare i contratti per la costruzione di una rete Internet 5G da parte di Huawei, ma anche della cooperazione nel formato 16 + 1, attraverso il quale Pechino sta cercando di rafforzare la propria posizione nella regione", si osserva nell'articolo.
 
Polonia e Cina hanno negoziato importanti progetti infrastrutturali nell'ambito dell'iniziativa della 'Via della seta' di Pechino, con la Cina già il più grande partner commerciale asiatico di Varsavia e con il commercio in forte crescita nell'ultimo anno. Il presidente cinese Xi Jinping ha realizzato nel un viaggio paese dell'Europa centrale nel 2016, con Varsavia in cerca di attrarre investimenti cinesi consistenti per la costruzione di infrastrutture e progetti di modernizzazione.
 
Ieri in Ungheria, Pompeo ha avvertito che la passata politica americana di disimpegno nella regione ha spinto "i russi e i cinesi" ad avere "più influenza qui".
 
Si prevede che anche le pressioni degli Stati Uniti saranno applicate alle relazioni di Varsavia con Teheran, osserva Rzeczpospolita. La Polonia ha fatto del suo meglio per preservare le relazioni con l'Iran dopo il ritiro degli Stati Uniti dall'accordo nucleare lo scorso maggio, con il vice capo del ministero degli Esteri polacco che si è recato a Teheran il mese scorso per prevenire un conflitto aperto.
 Tuttavia, la decisione della Polonia di ospitare una conferenza anti-Iran a guida Usa a Varsavia questa settimana sarà considerata una mossa ostile da parte di Teheran, ha aggiunto il giornale.
 
Il vicepresidente americano Mike Pence dovrebbe rilasciare una dichiarazione sul rafforzamento dei legami di sicurezza e di energia con la Polonia a margine della conferenza di Varsavia. "E mentre la decisione finale riguardo all'aumento della presenza delle truppe USA in Polonia sarà annunciata dal Pentagono solo a marzo, la [recente] dichiarazione [dell'ammiraglio John] Richardson" che il sistema di difesa missilistica statunitense schierato in Polonia potrebbe anche "scoraggiare la Russia" " è un altro segnale che gli americani si stanno preparando a rafforzare fondamentalmente il loro coinvolgimento militare sulla Vistola ", ha sottolineato Rzeczpospolita.
 
La scorsa settimana, Richardson sembrava sfidare la tradizionale richiesta degli Stati Uniti di tornare a diverse amministrazioni che le sue componenti di difesa missilistica in Polonia e Romania erano dirette a missili iraniani o nordcoreani, dicendo al Consiglio Atlantico che i sistemi antimissile avrebbero aiutato Washington a "respingere" la Russia, aggiungendo che gli Stati Uniti dovrebbero cercare di "attaccare prima".
 
Domenica scorsa, la Polonia ha approvato l'acquisto di sistemi di artiglieria a razzo americani come parte di un programma di modernizzazione e di espansione militare in corso. L'anno scorso, le autorità polacche hanno annunciato che avrebbero esercitato pressioni per la creazione di una nuova base militare statunitense sul territorio polacco, soprannominandola informalmente la base "Fort Trump" . 
 
In precedenza, il presidente russo Vladimir Putin aveva avvertito che lo spiegamento di basi missilistiche statunitensi nell'Europa orientale avrebbe costretto Mosca a mettere questi paesi nel "mirino" delle forze strategiche della Russia.
 
 
Fonte: Rzeczpospolita
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa