/ La rivoluzione colorata mira a rovinare il futuro di Hong Kong

La rivoluzione colorata mira a rovinare il futuro di Hong Kong

 


Global Times
 

Si sta verificando una rivoluzione colorata a Hong Kong? Pensiamo di sì, anche se questo è in qualche modo sconcertante.

 

Le rivolte di Hong Kong si sono discostate dall'intento originale di opporsi agli emendamenti a un disegno di legge di estradizione, ma sono diventate una spietata distruzione dello Stato di diritto della città. I manifestanti radicali vogliono paralizzare la città, minare l'autorità del governo e della polizia, le dimostrazioni non sono più un modo complementare per esprimere le richieste nel quadro giuridico, ma un tentativo di rovesciare lo Stato di diritto e rimodellare la struttura di potere della città. Questa è una tipica rivoluzione colorata.

 

Le rivolte si sono evolute in termini di organizzazione e pianificazione, durante le quali si sono integrati opposizione politica e manifestanti e le forze occidentali hanno offerto loro varie forme di assistenza e supporto. Manifestanti radicali organizzano dimostrazioni, gruppi di opposizione politica estrema distillano le implicazioni politiche delle proteste di strada, mentre gli Stati Uniti e l'Occidente pongono i disordini su un terreno morale distorcendo i fatti, confondendo il bene col male al per trarre in inganno la società di Hong Kong.

 

Le rivoluzioni colorate in tutto il mondo sono tutte finalizzate al regime change. Ma Hong Kong non è un paese. Il governo della Regione amministrativa speciale di Hong Kong (HKSAR) necessita dell'autorizzazione del governo centrale. Pertanto, non ha senso "rovesciare" il governo HKSAR.

 

Il primo passo per la rivoluzione colorata di Hong Kong è paralizzare completamente il governo HKSAR, la polizia e lo Stato di diritto e minare lo status di Hong Kong come centro finanziario internazionale. In tal modo, i manifestanti radicali mirano a costringere il governo centrale a rinunciare alla governance su Hong Kong, ad aderire al suffragio universale e riportare la città sotto il controllo del mondo occidentale.

 

Lo status di centro finanziario internazionale della città, la sua industria marittima internazionale e il turismo sono la linfa vitale della sua economia, che è stata pesantemente colpita dalle rivolte.

Se Hong Kong perde il suo status di centro finanziario internazionale, il declino della città è inevitabile.

 

Gli Stati Uniti e l'Occidente non proveranno rimpianti per Hong Kong, né i paesi e le regioni asiatici, tra cui Giappone, Corea del Sud, Singapore e l'isola di Taiwan. Sono Hong Kong e la Cina continentale a soffrire. Il declino porterà a turbolenze a lungo termine a Hong Kong, aumentando così l'onere politico ed economico della Cina. Questo è ciò che alcune forze statunitensi e occidentali vogliono ottenere.

 

Alcuni sostengono che definire le rivolte di Hong Kong come una rivoluzione colorata non tiene conto dell'insoddisfazione di alcuni cittadini di Hong Kong. Sostengono anche che incolpare gli Stati Uniti e l'Occidente per interferenze esterne è un modo per coprire i problemi interni. Tutte le rivoluzioni colorate hanno ragioni interne, come il cattivo sostentamento e il divario crescente tra ricchi e poveri. Una rivoluzione colorata è una sventura in quanto prende ridicolmente la "democrazia" come ricetta per profondi problemi economici.

 

Tutti i paesi che hanno subito rivoluzioni colorate negli ultimi 20 anni hanno sopportato le conseguenze di turbolenze a lungo termine e ulteriore declino economico. Gli Stati Uniti e l'Occidente hanno promosso le rivoluzioni colorate, ma hanno sottratto le loro responsabilità agli amari risultati.

 

Il governo cinese non permetterà mai all’opposizione estremista e all'Occidente di trascinare Hong Kong nel campo anti-cinese, né permetterà alla città di scivolare nel caos a lungo termine o diventare una base per l'Occidente per sovvertire il sistema politico cinese. Questa è una dura lotta tra i tentativi di privare e difendere lo status di centro finanziario internazionale della città.

 

Lo status di centro finanziario internazionale di Hong Kong è importante per il sostentamento dei cittadini di Hong Kong, ed è qui che risiedono i loro interessi principali. Pertanto, è anche una lotta per gli Hongkongers per salvaguardare la propria vita. I cittadini del continente sono loro convinti 

sostenitori.

 

(Traduzione de l’AntiDiplomatico)

Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa