La Russia dispiegherà nell'Artico più radar in grado di individuare obiettivi ipersonici e velivoli stealth come i caccia F-35

La Russia dispiegherà nell'Artico più radar in grado di individuare obiettivi ipersonici e velivoli stealth come i caccia F-35

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Lo stato maggiore della Russia ha deciso di aumentare il numero delle ultime stazioni radar Rezonans-N in grado di rilevare obiettivi ipersonici da cinque a dieci nell'Artico, riferisce all’agenzia TASS fonte del settore della difesa.

 

Il Pentagono ha dichiarato nella primavera del 2018 che lo sviluppo di armi ipersoniche era una priorità assoluta per l'esercito statunitense. Nel novembre 2019, la US Air Force ha annunciato che stava sviluppando due prototipi ipersonici, uno dei quali o entrambi dovrebbero raggiungere la loro prontezza operativa iniziale entro il 2022.

 

"Lo Stato Maggiore ha deciso di schierare nel nord della Russia altri cinque radar Rezonans-N in grado di rilevare obiettivi ipersonici, oltre alle cinque stazioni già ordinate", ha rivelato la fonte.

 

Dopo che tutti e dieci i radar saranno dispiegati nell'Artico russo, "l'area pericolosa per i missili nord-orientali sarà completamente coperta dai ‘cacciatori’ per obiettivi ipersonici", ha aggiunto la fonte.

 

Oggi esiste un contratto per la consegna di cinque stazioni radar Rezonans al Ministero della Difesa russo. In qualità di CEO del Centro di ricerca Rezonans (lo sviluppatore dei radar), Ivan Nazarenko ha detto a TASS nel novembre dello scorso anno, due radar sono in servizio di combattimento nell'Artico russo oggi mentre la terza stazione è stata preparata per il suo funzionamento nell'arcipelago di Novaya Zemlya. Il quarto radar è stato consegnato ma non ancora schierato e la quinta stazione è stata prodotta, ha aggiunto.

 

I radar Rezonans operano nella banda del misuratore e utilizzano il principio della risonanza delle onde, che consente di rilevare velivoli basati sulla tecnologia invisibile e anche bersagli ipersonici che volano a una velocità fino a Mach 20. Il radar è in grado di rilevare bersagli e rilasciare acquisizioni di bersaglio su aerodinamica obiettivi a una distanza di 600 km e ad una distanza di 1.200 km su obiettivi balistici, ad un'altitudine fino a 100 km.

 

Come affermato dal presidente russo Vladimir Putin nel dicembre 2019, oggi la Russia è in testa nello sviluppo di armi ipersoniche.

Potrebbe anche interessarti

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori di Giorgio Cremaschi Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano di Savino Balzano Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano

Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino di Alberto Fazolo Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato di Pasquale Cicalese Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato

Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato

La nuova psicologia del Totalitarismo di Damiano Mazzotti La nuova psicologia del Totalitarismo

La nuova psicologia del Totalitarismo

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"... di Antonio Di Siena In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...