/ Siria, gli Stati Uniti hanno fatto crollare di proposito un ponte...

Siria, gli Stati Uniti hanno fatto crollare di proposito un ponte costruito dai militari russi

 

Gli esperti siriani ritengono che le serrature di una diga vicina siano state aperte con lo scopo deliberato di distruggere il ponte costruito dagli ingegneri russi.


Un'indagine condotta da specialisti siriani ha stabilito che la distruzione, il 7 gennaio scorso, di un ponte automobilistico provvisorio costruito da ingegneri militari russi a settembre 2017 non è stata casuale.
 
Secondo il giornale ufficiale del ministero della Difesa russo, 'Krasnaya Zvezda', il ponte costruito alla periferia di Deir Ezzor di 212 metri di lunghezza, è stato poi consegnato alle autorità siriane il 1 ottobre successivo e da allora servito per il passaggio di persone, trasporto e carichi. Il ponte "ha contribuito ad un miglioramento significativo per risolvere la situazione umanitaria nei distretti sulla riva sinistra dell'Eufrate, usato dai rifugiati per ritornare, dopo altri ponti erano stati distrutti nei combattimenti," secondo il media russo.
 
Il 6 gennaio scorso, sebbene non ci siano state forti piogge nella regione, il livello dell'acqua dell'Eufrate è aumentato di diversi metri, mentre la velocità del suo flusso è raddoppiata.
Il giorno dopo, il ponte è crollato.
 
Secondo il giornale, l'indagine "ha dimostrato il brusco cambiamento nel letto dell'acqua prodotta con l'apertura delle serrature deliberata nella diga della centrale idroelettrica di Et Tabka, che si trova nel territorio dominato formazioni dell'opposizione e sotto il controllo della 'coalizione internazionalei guidata dagli Stati Uniti. "
 
Il media russo indica che non vi era alcuna ragione tecnica per un improvviso scarico di acqua dalla diga e che, secondo gli esperti, questa misura potrebbe avere un altro obiettivo. In questo senso, non è escluso che "la parte americana, attraverso altre mani, ha fatto un tentativo di evitare il rafforzamento della legittima autorità del governo siriano sulla riva sinistra dell'Eufrate, vale a dire, nelle aree in cui gli Stati Uniti stanno cercando di aumentare la propria influenza." 
 
Fonte: http://www.redstar.ru
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa