“È la stampa, bellezza!". Le due bufale russofobiche di Observer e Washington Post ai limiti della fantascienza

“È la stampa, bellezza!". Le due bufale russofobiche di Observer e Washington Post ai limiti della fantascienza

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


È la stampa, bellezza! La stampa!

È la stampa, bellezza! La stampa! E tu non ci puoi far niente! Niente!” Mettiamola come epitaffio alla morte del Giornalismo questa frase immortalata da Humphrey Bogart. Che altro si può dire, infatti, davanti alle due “notizie” lanciate in questi giorni da due “mitici” organi di stampa quali Observer e Washington Post?.

La prima narra del “Regno del Cyber ​​Califfato” che l’ISIS avrebbe annunciato con l’attacco, nell’aprile 2015, ai server della emittente francese TV5Monde. In realtà, un attacco abbastanza modesto (una sbiadita immagine contenente il gioco di parole “Je suis-is” nei social dell’emittente durata un paio di minuti e qualche malfunzionamento) e che da allora non si è più ripetuto ma che ha meritato dai mass media una enfasi pari al famoso “attacco alla Sony” “certamente compiuto da hackers nord coreani per bloccare l’uscita del film The Interview”: una colossale bufala del dicembre 2014 (tra l’altro il responsabile – arrestato e condannato - dell’”attacco” era un americanissimo ex dipendente della Sony che si voleva vendicare del suo licenziamento) che fece il giro del mondo.

Ora, invece ad un anno di distanza finalmente la rivelazione: dietro l’attacco a TV5Monde non c’era l’ISIS ma, addirittura, Putin! Lo attesta (e solo lui!) tale John Schindler: più o meno un altro  Brown Moses; e cioè un tizio qualunque  battezzato “esperto” dai media in quanto questo permette loro di consacrare le loro bufale. Il tutto condito da considerazioni del tipo “...del resto, da più di un secolo i russi utilizzano False Flag nello spionaggio”, accuse all’ottimo Edward Snowden di essere l’artefice dell’operazione, e surreali lamentele sui “terroristi che si fanno pubblicità sui social media” (come se Facebook, Twitter, Youtube... non fossero tutte di proprietà USA).

Ancora più delirante la “rivelazione”  del Washington Post: “La Russia sta molestando i diplomatici degli Stati Uniti in tutta Europa”. Cioè? “Alcune delle intimidazioni sarebbero di routine, ad esempio, pagare i giornalisti per  scrivere storie negative su di loro”. Poi ci sarebbero “atti di molestie contro il personale diplomatico che varia dal bizzarro al decisamente spaventoso (....) mimetizzati come atti di criminalità comune”: intrusi che si sarebbero introdotti nelle abitazioni dei diplomatici solo per “spostare i mobili” o “accendere tutte le luci e le TV”, “un diplomatico ha segnalato che un intruso aveva defecato sul suo tappeto del salotto”. E dire che una volta ci si introduceva di soppiatto negli appartamenti dei diplomatici per mettere microspie. Ma con un pazzo criminale al Cremlino chi volete che rispetti più il bon ton?

Francesco Santoianni

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale di Giorgio Cremaschi La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale

La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale

La vera storia del "default russo" spiegata bene di Marinella Mondaini La vera storia del "default russo" spiegata bene

La vera storia del "default russo" spiegata bene

Il Liquidatore entra nella fase finale di Savino Balzano Il Liquidatore entra nella fase finale

Il Liquidatore entra nella fase finale

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

L'inflazione come strumento della lotta di classe di Gilberto Trombetta L'inflazione come strumento della lotta di classe

L'inflazione come strumento della lotta di classe

In fiamme il Parlamento libico di Michelangelo Severgnini In fiamme il Parlamento libico

In fiamme il Parlamento libico

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti