/ "La Politica degli USA in Siria è un disastro completo"

"La Politica degli USA in Siria è un disastro completo"

 

Il senatore statunitense del partito repubblicano Lindsey Graham ha ammesso la sconfitta degli Stati Uniti nei confronti di Iran e Russia nella regione. Inoltre, non ha escluso una guerra tra Hezbollah e il regime israeliano.


"Siamo sull'orlo di una guerra tra Israele e Hezbollah nel sud del Libano. L'Iran sta vincendo e noi stiamo perdendo (...), quindi l'ultima cosa che ho in mente ora è il processo di pace (tra palestinesi e israeliani) ", ha dichiarato il senatore repubblicano statunitense Lindsey Graham in un'intervista al telegiornale della CBS
 
Graham h anchea affermato che il Libano meridionale è diventato un sito per il lancio di razzi contro Israele. "Hezbollah sta sviluppando armi guidate di precisione per colpire Israele. Se non riusciamo a pensare a una strategia contro l'Iran, è molto probabile che Israele entrerà in una guerra con Hezbollah nel sud del Libano ", ha spiegato il senatore degli Stati Uniti.
 
Inoltre, si è anche lamentato del fatto che gli Stati Uniti manchino di una politica efficace per frenare l'asse iraniano-russo nella regione.
"Non abbiamo una strategia per contenere l'Iran (...) Se lasciamo la Siria nelle mani di Russia e Iran, la guerra siriana non avrà mai fine" , ha aggiunto.
 
Secondo Graham, "la politica degli Stati Uniti in Siria è un disastro completo. È assente quando si tratta di contenere la Russia, l'Iran e la Siria come una vera minaccia per la regione ".
 
Il governo del presidente siriano Bashar al-Assad, che gode del sostegno dei consiglieri militari iraniani e degli aerei e delle truppe militare russe, dopo quasi sette anni di lotta anti-terrorismo, ha preso il controllo di diverse aree nelle mani dei gruppi terroristi e "ribelli", sostenuti dagli Stati Uniti.
 
Fonte: CBS News
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa