/ Lavrov: "Tillerson mi diceva che il principale obiettivo degli St...

Lavrov: "Tillerson mi diceva che il principale obiettivo degli Stati Uniti in Siria era sconfiggere l'ISIS, ma ora sta diventando sempre più vago"

 

Le missioni anti-terrorismo non dovrebbero essere utilizzate per rovesciare i governi, ha dichiarato oggi il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov, aggiungendo che Mosca è preoccupata dalle recenti notizie degli ex terroristi addestrati dagli Stati Uniti in Siria.


"I tentativi di trarre profitto dagli obiettivi antiterroristici - che dovrebbero essere comuni, unificati e senza doppi standard - sono inquietanti", ha dichiarato oggi il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov, "obiettivi che non dovrebbero essere usati per promuovere la propria agenda, incluso "cambiare regimi indesiderati", ha aggiunto.
 
Parlando dei colloqui Russia-USA sull'allentamento militare in Siria, Lavrov ha affermato di avere "sentimenti contrastanti" sull'impegno del suo omologo occidentale nel processo di pace siriano.
 
"Rex Tillerson mi diceva che il principale obiettivo degli Stati Uniti in Siria era sconfiggere l'ISIS, ma ora sta diventando sempre più vago", ha riferito il capo della diplomazia russa.
 Invece, si dice che le forze rimarranno in Siria fino all'inizio del processo politico o, come sostengono alcuni funzionari statunitensi, il processo che comporta le dimissioni del presidente siriano Bashar Assad.
 
Inoltre Lavrov, ha ribadito che " le informazioni secondo le quali alcune basi militari statunitensi in Siria hanno iniziato ad addestrare combattenti, inclusi ex membri di gruppi terroristici, sono ovviamente piuttosto preoccupanti".
 
 
Fonte: RT
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa