/ Media iraniano: Gibilterra libererÓ la petroliera iraniana Grace ...

Media iraniano: Gibilterra libererÓ la petroliera iraniana Grace 1, sotto sequestro dal 4 luglio

 

La nave Grace 1 fu fermata a Gibilterra sospettata di trasportare petrolio in Siria.


La petroliera iraniana Grace 1, sequestrata il 4 luglio scorso dai Marines britannici a Gibilterra, verrà liberata oggi. Lo riporta l'agenzia Fars citando le autorità non identificate dell'enclave britannica nel sud della penisola iberica. La notizia è stata rilanciata anche dalla Reuters.
 
Tuttavia, una fonte del governo di Gibilterra citata dall'agenzia britannica ha smentito la notizia.
 
Da parte sua, il vice capo degli affari marittimi del porto e dell'organizzazione marittima dell'Iran, Jalil Eslami, ha dichiarato oggi che la nave Grace 1 verrà rilasciata "presto". "Tenendo conto delle consultazioni della Repubblica islamica [con il Regno Unito], riteniamo che la petroliera Grace 1 riprenderà le operazioni sotto la bandiera iraniana in acque internazionali nel prossimo futuro", ha detto Eslami senza fornire una data di rilascio specifica.
.
 
La nave cisterna in questione, con una bandiera panamense, fu fermata nelle acque dello stretto di Gibilterra, nel sud della penisola iberica. La nave è di proprietà di una società di Singapore. Il primo ministro dell'enclave britannica, Fabian Picardo, ha dichiarato che la nave trasportava petrolio in Siria, "in violazione" delle sanzioni dell'UE imposte a Damasco.
 
Secondo il governo spagnolo, che considera le acque di Gibilterra come proprie, gli inglesi avevano sequestrato la nave su richiesta degli Stati Uniti.
 
Da parte sua, l'Iran convocò l'ambasciatore britannico a Teheran e definì l'intercettazione della nave come "un passo distruttivo" e "una forma di pirateria".
 
 
Il 19 luglio scorso, la Corte suprema di Gibilterra aveva prolungato il sequestro della Grace 1 per 30 giorni.
 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa