/ Mosca chiede giustizia per il diplomatico russo picchiato nel bru...

Mosca chiede giustizia per il diplomatico russo picchiato nel brutale attacco della polizia del Kosovo

 

L'arresto e il pestaggio dello staff delle Nazioni Unite che gode dell'immunitÓ diplomatica testimoniano un clima di assoluta illegalitÓ nel territorio, ha dichiarato la portavoce della diplomazia russa, Maria Zakharova.


La Russia insisterà per punire tutti i responsabili per aver picchiato il rappresentante russo Mikhail Krasnoshchekov, un membro dello staff della missione ONU in Kosovo, ha riferito la portavoce del ministero degli Esteri russo Maria Zakharova in una conferenza stampa.
 
"L'arresto e il pestaggio di un cittadino russo, uno staff delle Nazioni Unite che gode di un'immunità diplomatica, testimoniano un clima di assoluta illegalità nel territorio, una totale disprezzo del diritto internazionale e regole di contatti internazionali civili. La Russia seguirà da vicino i progressi sulle indagini di questo incidente e farà pressioni per la punizione di tutti i responsabili lungo l'intera catena di comando", ha aggiunto.

"Va detto che il Kosovo è la principale fonte di instabilità e potenziale conflitto nella regione, un territorio praticamente incontrollabile, che non è solo una fonte di instabilità, ma un territorio potenzialmente pericoloso e incontrollato nel centro dell'Europa", ha ricordato Zakharova. "Speriamo che i mecenati di Pristina, che preferiscono perseguire i propri interessi, e non gli interessi dei paesi e dei popoli balcanici, usino la loro influenza per ragionare sui capi degli albanesi del Kosovo, altrimenti potrebbero esserci conseguenze irreversibili".
 
La mattina del 28 maggio la polizia del Kosovo non riconosciuta si è intrufolata nei comuni del nord del territorio, dove due serbi sono stati leggermente feriti durante le sparatorie. Il presidente serbo Aleksandar Vucic ha dichiarato che la polizia del Kosovo ha arrestato 28 persone, tra cui un cittadino russo, Mikhail Krasnoshchekov, un membro del personale della missione delle Nazioni Unite in Kosovo. Il dottor Zlatan Elek, dell'ospedale di Kosovska Mitrovica, ha affermato che il russo ha subito gravi lesioni alla testa e al viso ed è rimasto sotto controllo medico 24 ore su 24. Poco tempo dopo è stato trasferito all'Accademia medica militare di Belgrado per essere curato.
 
Fonte: TASS
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa