/ Noam Chomsky spiega quello che si nasconde dietro la chiamata all...

Noam Chomsky spiega quello che si nasconde dietro la chiamata alle armi con "l'intervento umanitario"

 




Telesur
 


"Quasi ogni atto aggressivo di una grande potenza è giustificata per motivi umanitari", afferma l'intellettuale statunitense Noam Chomsky in un'intervista esclusiva .

 

In un'intervista esclusiva con teleSUR, il noto attivista intellettuale e politico Noam Chomsky affronta il concetto di "intervento umanitario", che, sostiene , viene utilizzato come pretesto per un violento attacco militare guidato dalle potenze globali, in particolare gli Stati Uniti.

 

"Dal punto di vista dell'aggressore è un intervento umanitario, ma non è lo stesso dal punto di vista delle vittime. Probabilmente, se avessimo i documenti di Attila l'Unno, troveremmo le stesse giustificazioni", ha detto Chomsky.

 

La prima volta che il termine "intervento umanitario" è stato ampiamente discusso sia nel diritto internazionale sia nelle organizzazioni globali è stato sulla scia dell'intervento della NATO in Serbia.

 

Nel 1996, i gruppi secessionisti in Kosovo, sostenuti dall'esercito albanese, hanno compiuto attacchi terroristici sul territorio jugoslavo, che a loro volta hanno innescato attacchi reciproci da parte della Jugoslavia. Gli Stati Uniti e i paesi della NATO hanno usato questo come scusa per invadere e bombardare la Serbia.



 

Wesley Clark, il generale responsabile delle forze statunitensi e della NATO durante la guerra in Kosovo, avvertì Washington che un attacco degli Stati Uniti alla Jugoslavia avrebbe solo comportato un'escalation delle atrocità: incapace di attaccare gli Stati Uniti, la Jugoslavia sarebbe stata costretta a rivalersi sul terreno.

 

La NATO ha quindi lanciato l'Operazione Allied Force, il nome in codice per l'attentato alla Jugoslavia, apparentemente per prevenire ulteriori atrocità. Questo ha intensificato la risposta jugoslava e causato ancora più sofferenze, portando alla fine al processo Slobodan Milosevic in un tribunale criminale internazionale delle Nazioni Unite.

 

"Se si torna indietro con la mente a quella discussione ... era stato un intervento umanitario perché si dovevano fermare le atrocità serbe, e questo è il modo in cui viene presentato in Occidente, al contrario si deve tacere sul fatto che quelle atrocità erano la conseguenza prevista come pretesto per l'invasione ", ha detto Chomsky.

 

Gli avvocati e gli analisti internazionali hanno in seguito deciso che l'invasione era "illegale ma legittima", ha detto Chomsky: "illegale a causa di un'evidente violazione del diritto internazionale, ma legittima perché necessaria per fermare le orribili atrocità che hanno seguito l'invasione, quindi hanno semplicemente invertito il cronologia, che è ciò che viene fatto di solito ... (Gli Stati Uniti) invasero per prevenire atrocità causate dall'invasione ".

 

La discussione su cosa sia l'"intervento umanitario" e su come quel concetto possa coesistere con la sovranità è iniziata dopo il genocidio in Ruanda e il massacro di Srebrenica, ma gli eventi in Serbia hanno portato alla conclusione di accordi internazionali.

 

L'Assemblea Generale U.N. ha quindi emesso una risoluzione sulla "responsabilità di proteggere", affermando che l'azione militare non può essere intrapresa se non autorizzata dal Consiglio di sicurezza. Questo, in effetti, dà la priorità all'applicazione delle pressioni diplomatiche al fine di garantire che i governi non violino i diritti della propria gente.

 

Un'altra definizione legale proviene dalla Commissione internazionale per l'intervento e la sovranità statale (ICISS), guidata da Gareth Evans e Mohamed Sahnoun, e include rappresentanti di Canada, Stati Uniti, Canada, Russia, Germania, Sudafrica, Filippine, Svizzera, Guatemala e India .

 

La commissione ha perfezionato ulteriormente la "responsabilità di proteggere", aggiungendo una clausola che consente ai gruppi regionali di intervenire "nel caso in cui il Consiglio di sicurezza non accetti di autorizzare l'intervento", ma "soggetta alla successiva approvazione da parte del Consiglio di sicurezza".

 

Quale gruppo regionale può intervenire? Come dice Chomsky: "Ce n'è uno: si chiama NATO, e ciò che sta dicendo è che, anche se il Consiglio di Sicurezza degli Stati Uniti non lo autorizza, la NATO è giustificata nell'intervenire".

 

In altre parole, ogni volta che gli Stati Uniti o la NATO affermano che l'intervento militare è legale ai sensi del diritto internazionale con l'approvazione del Consiglio di sicurezza, ciò che in realtà significa è che è legale ai sensi del rapporto ICISS e non dell'accordo U.N. dell'Assemblea generale.

 

"È un bell'esempio di come la propaganda funziona in un sistema potente e ben funzionante", afferma Chomsky.

 

Seguendo questo ragionamento, il bombardamento della Libia potrebbe essere considerato un "intervento umanitario" secondo il concetto di "responsabilità di proteggere": il Consiglio di sicurezza dell'ONU ha approvato una no-fly zone per la Libia e il governo di Gheddafi ha accettato una tregua, ma quando il suo esercito ha continuato verso Bengazi, Stati Uniti, Gran Bretagna e Francia hanno lanciato una campagna di bombardamenti.

 

Gli attacchi hanno distrutto la maggior parte delle infrastrutture della Libia e ucciso circa 10.000 persone, lasciando la Libia indifesa "come è oggi, nelle mani di milizie preoccupanti".

 

Chomsky sostiene che tutto questo abbia permesso alle ultime milizie islamiche di emergere e oggi la Libia rappresenta l'approdo per il flusso di armi e jihadisti nel Levante e nell'Africa occidentale, "che è diventata la principale fonte di terrorismo radicale nel mondo - in gran parte una conseguenza del già ricordato intervento umanitario in Libia.”

 

"Guardate caso per caso e raramente potrete trovare un esempio che forse potete sostenere possa essere un intervento umanitario", e tuttavia gli autentici casi umanitari restano "aspramente contrapposti" dagli Stati Uniti.

 

Iraq e Afghanistan

 

Chomsky sostiene che le intenzioni degli Stati Uniti in Iraq e in Afghanistan, tuttavia, fossero molto diverse: "Nel caso dell'Afghanistan, sospetto che fosse solo una vendetta, probabilmente come Abdul Haqq ha detto: volevano" mostrare i loro muscoli ". 'qualcuno ci ha attaccato, mostreremo al mondo che possiamo attaccare qualcuno ancora più duramente.' "

 

Questa mentalità riecheggia nel commento nucleare di Trump alla Corea del Nord di avere "un bottone più grande di te". Come sottolinea Chomsky, non c'era "alcuno scopo strategico o strategia recondita.

 

L'Iraq, dice, è una storia diversa: "L'Iraq è un paese che (gli Stati Uniti) hanno voluto invadere", a causa delle sue risorse e della sua posizione strategica nel mezzo della più grande regione petrolifera del mondo.

 

"Che puoi capire sui tradizionali motivi imperiali, ma sospetto che l'Afghanistan sia davvero più o meno ciò che Abdul Haqq ha detto."

Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa