/ 18 milioni a rischio, o già in povertà, un altro grande successo ...

18 milioni a rischio, o già in povertà, un altro grande successo di Euro e Ue

 


di Giorgio Cremaschi

Secondo gli ultimi dati ISTAT in Italia 18 milioni di persone sono a rischio o sono già precipitate nella povertà. Se vogliamo essere più precisi, utilizzando altri dati dell'istituto di statistica, in Italia abbiamo 4 milioni di poveri "assoluti", cioè che non ce la fanno a comprare i beni fondamentali per vivere, 8 milioni di poveri "relativi" appena un gradino sopra gli altri; e altri 6 milioni di persone che stanno precipitando verso di loro. Sì perché la situazione sociale del paese, nonostante gli ottimismi di banche, grandi imprese e governo, sta degradando: i ricchi diventano più ricchi e i poveri sono sempre di più. E aumentano anche le divaricazioni territoriali. I poveri sono quasi un terzo della popolazione residente in Italia, ma nel Mezzogiorno diventano quasi la metà, mentre al Nord sono uno su cinque. Nel frattempo il 20% più ricco vede aumentare notevolmente le proprie entrate, anzi si può dire che gran parte dell'aumento del reddito che viene registrato, vada a chi ne avrebbe meno bisogno. La ricchezza del paese cresce solo con la ricchezza dei ricchi, scusate il gioco di parole. 

Più della metà delle famiglie italiane vivono con 24000 euro all'anno. Non è ancora la povertà, ma secondo lo stesso ISTAT con questo reddito si è molto vicini ad essa. Ricordiamo che questi soldi corrispondono a 48 milioni delle vecchie lire, con i quali nel passato non si sarebbe certo stati inclusi tra chi se la passa male. Certò c'è stata un poco di inflazione, ma se pensiamo alle promesse di benessere per tutti che furono diffuse dai fautori della moneta unica, non c'è smentita ad esse più chiara e brutale. 



Il combinato dell'Euro, delle politiche di austerità, dei trattati che da Maastricht al Fiscal Compact l'hanno codificata e imposta, del dominio economico della Germania travestito da Unione Europea; tutto questo assieme naturalmente alle decisioni di TUTTI i governi che si sono succeduti, ha fatto dell'Italia uno dei paesi più ingiusti d'Europa. Anche su questo le statistiche sono terribilmente chiare. 

L'Italia ha un indice di Gini, quello che misura la diseguaglianza sociale, tra i più elevati del continente. Per la precisione nella UE siamo al ventesimo posto. Peggio, e non di molto rispetto a noi stanno solo Spagna, Grecia e Portogallo. I PIGS, come vennero chiamati in un acronimo che vuol dire maiali, i paesi del Sud Europa devastati e colonizzati dal rigore liberista europeo. Ora questi paesi sono tutti in fondo alla classifica della giustizia sociale e in testa a quella del dilagare della povertà. 

Qualche anno fa Mario Monti affermò come la Grecia fosse il più grande successo dell'Euro, lo disse davvero, convinto, non è un fake. Ora questo successo dilaga nel nostro paese, come in tanti altri. Fino a che non ci sbarazzeremo di questi successi e di chi li persegue, la povertà continuerà a raggiungere record dopo dopo record.

Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa