/ Generale israeliano: l'uccisione di Nasrallah sarebbe decisiva pe...

Generale israeliano: l'uccisione di Nasrallah sarebbe decisiva per la vittoria nella prossima guerra contro Hezbollah

 

Senza troppi giri di parole un generale israeliano sostiene che l'omicidio del leader di Hezbollah sarebbe determinante per la vittoria di Israele in una prossima guerra contro il Libano.


L'obiettivo di Israele nella sua prossima guerra nel nord sarà "ottenere una vittoria decisiva", compreso l'assassinio del leader di Hezbollah, Sayyed Hassan Nasrallah, ha dichiarato un generale delle Forze di difesa israeliane (IDF).
 
"Se riuscissimo a uccidere Nasrallah nella prossima guerra, lo vedremo come una vittoria decisiva", ha dichiarato il generale Yaakov Barak quando gli è stato chiesto che cosa significasse una "vittoria decisiva".
 
Nei commenti del capo portavoce dell'esercito israeliano a novembre, ha detto che l'IDF sta conducendo una guerra psicologica e mediatica contro Hezbollah.
 
L'esercito israeliano vede il fronte di Gaza come il più probabile che possa esplodere nel prossimo futuro, ma i suoi preparativi, le sue acquisizioni e gli aggiornamenti delle attrezzature sono orientati verso il Libano e forse la Siria.
 
D'altra parte, ogni guerra futura dovrebbe essere molto diversa dalle precedenti guerre, incluso il fronte interno di Israele.

 
Di conseguenza, è probabile che le forze di terra israeliane saranno inviate al territorio nemico più velocemente, più largamente e più profondamente di prima, ha spiegato Barak.
 
La battaglia potrebbe essere diversa rispetto alla seconda guerra del Libano alla luce dei cambiamenti sul fronte nord negli ultimi 11 anni e mezzo.
 
Anche l'Israel Defence Force (IDF) prevede una minaccia clandestina, ipotizzando che Hezbollah abbia tunnel in Libano non necessariamente per infiltrarsi in Israele, ma per immagazzinare armi e combattenti nei rifugi.
 
Un altro problema, secondo Barak, è che questa volta il combattimento nel nord potrebbe significare anche quello sul confine siriano. Un fronte potrebbe anche aprirsi a Gaza nel sud. Basandosi sul presupposto che le forze israeliane si sposterebbero più largamente e profondamente nel territorio nemico.
 
La IDF sta lavorando alla tecnologia radar per veicoli leggeri e forse alle truppe stesse, nonché sul quella per proteggere i soldati dai colpi di mortaio, dagli attacchi dei droni e simili.
 
Fonte: Haaretz
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa