/ Mosca: "Gli USA hanno creato 20 basi militari nel nord della Siri...

Mosca: "Gli USA hanno creato 20 basi militari nel nord della Siria"

 

La posizione di Washington minaccia la pace e la sicurezza in Siria, dicono dal Consiglio di sicurezza russo.

Secondo le ultime dichiarazioni del consigliere del segretario del Consiglio di sicurezza russo, Alexandr Venedíktov, Washington ha stabilito circa 20 basi militari nella regione del Kurdistan in Siria.
 
"Nel territorio controllato dalle unità di autodifesa popolare del Kurdistan ci sono circa 20 basi militari statunitensi", ha dichiarato Venedíktov all'agenzia di stampa RIA Novosti.
 
Ha anche osservato che "l'interferenza esterna nella crisi siriana ostacola il ripristino della pace e della sicurezza in Siria", osservando nello stesso tempo che gli Stati Uniti forniscono ai curdi armi più moderne.
 
"I curdi sono letteralmente ossigenati con armi moderne armi degli Stati Uniti. La somministrazione di armi moderne e la promozione di idee separatiste fondamentalmente hanno provocato l'operazione della Turchia nella regione di Afrin, nel nord della Siria", ha aggiunto il consigliere .
 
I jihadisti cambiano tattica
 
Venedíktov ha anche sottolineato che i terroristi in Siria hanno fatto una guerra di guerriglia, evitando la strategia delle principali operazioni militari.
 
"Il gruppo terroristico ISIS ha causato notevoli danni nel territorio siriano, in queste condizioni che i terroristi andavano dalle principali operazioni militari alla tattica della guerriglia", ha spiegato il consigliere russo.

 
Ha aggiunto che in Siria ci sono ancora gruppi armati che continuano ad opporsi alle truppe del governo siriano.
 
"Per esempio, se prendiamo la provincia di Idlib, è soprattutto il Fronte Al-Nusra, che ora è chiamato 'Fronte Fateh al-Sham'. Se parliamo del Ghouta orientale, opera il gruppo Ahrar al-Sham", ha precisato.
 
In precedenza, il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov ha anche osservato che nella regione rimangono sacche jihadiste isolate, ma le truppe governative insieme a una parte delle forze russe rimaste in Siria combatteranno contro l'ISIS se deciderà di "alzare la testa".
 
Niente più focolai terroristici
 
Alla prossima conferenza sulla sicurezza sponsorizzata dal Consiglio di sicurezza russo, si parlerà del  problema attuale che più affligge la comunità internazionale: la prevenzione di una nuova diffusione del terrorismo.
 
"Vediamo che la strategia dei terroristi mentre ci sono sfollati dalla Siria e dall'Iraq sta cambiando, in pericolo sono tutti i paesi e le regioni del pianeta, e soprattutto quelli indeboliti da conflitti, guerre civili, sanzioni unilaterali. In queste condizioni, il compito principale della comunità internazionale è quello di prevenire la creazione di una nuova rinascita del terrorismo, come è accaduto con l'ISIS in Siria ", ha concluso Venedíktov.
 
Fonte: Ria Novosti
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa