I media alla guerra/Panico da Coronavirus. L'incredibile preveggenza del film V per V...

Panico da Coronavirus. L'incredibile preveggenza del film V per Vendetta

 

l'AntiDiplomatico ha bisogno del tuo aiuto. Una tua piccola donazione può essere vitale per la nostra battaglia di informazione.



 

E perché non dovremmo aver paura se gli altri hanno paura? E che gli altri hanno paura ce lo dice la TV.


 

Ma perché i media – e soprattutto la RAI - ci terrorizzano con una fantomatica epidemia? Colpa esclusiva dei media che raccattano audience solo con la paura? O c’è qualcosa di più?


Guardate questo video prima di proseguire nella lettura...


 



Giorni fa un articolo de l’Antidiplomatico documentava come la RAI, in occasione della “Influenza di Hong Kong” del 1968-69 (due milioni di morti in tutto il mondo) il contegno dell’informazione impedì che il panico e il conseguente collasso delle strutture sanitarie, facesse dilagare qui da noi l’epidemia (che fece registrare in Itali “solo” 20.000 morti ,“appena il doppio” delle periodiche epidemie influenzali).
 

 

Oggi (vedi il video qui sotto), il panico diffuso dai media, soprattutto RAI – per una “epidemia COVID-19” che, come attestato da autorevoli ricercatori, ripropone, sostanzialmente, lo stesso rischio delle periodiche epidemia influenzali – sta già facendo collassare i servizi di emergenza con le conseguenze che è facile immaginare.
 

Perché tanta differenza? Il film “V per Vendetta” (del quale riproponiamo alcuni fotogrammi) parlava di una epidemia enfatizzata ad arte per imporre un regime totalitario e, soprattutto, l’accettazione di questo da parte di una popolazione. È quello che avverrà domani? Di certo l’esigenza di tenere a bada la popolazione - ora che si prospetta una crisi economica peggiore di quella del 2008 e la ratifica del Trattato MES – si fa pressante.

Francesco Santoianni

Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy Change privacy settings
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa