/ Per il Pentagono gli Stati Uniti non devono abbandonare la politi...

Per il Pentagono gli Stati Uniti non devono abbandonare la politica di attacco nucleare preventivo

 

Il generale Joseph Dunford ha sottolineato che ci sono una serie di circostanze per le quali il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti non vuole escludere questa opzione per il presidente Donald Trump in futuro.


Gli Stati Uniti non dovrebbe abbandonare la politica di attacco nucleare preventivo se non si vuole "semplificare il processo decisionale di un avversario", ha dichiarato ieri il capo dello Stato maggiore congiunto delle Forze Armate degli Stati Uniti, Joseph Dunford, nel corso di un'audizione di fronte alla Commissione per i Servizi Armati del Senato degli Stati Uniti
 
"La politica attuale è la politica giusta", ha detto Dunford, commentando un disegno di legge per vietare attacchi nucleari preventivi, presentato lo scorso gennaio al Congresso degli Stati Uniti dai democratici.
 
"Non consiglierei alcun cambiamento che semplifica il processo decisionale di un avversario", ha aggiunto il generale.

 
Inoltre, Dunford ha sottolineato che ci sono una serie di circostanze che in futuro potrebbero portare a una discussione sulla questione degli attacchi nucleari preventivi ai massimi livelli. "Posso anche immaginare alcune situazioni in cui potremmo non voler escludere questa opzione per il presidente [degli Stati Uniti, Donald Trump]", ha affermato.
 
La politica del 'non essere il primo' ad usare armi nucleari è stata sostenuta dal deputato Adam Smith e dalla senatrice Elizabeth Warren, che ha lanciato la sua campagna lo scorso febbraio per essere la candidata democratica per le elezioni presidenziali del 2020.
 
L'attuale strategia nucleare statunitense è considerata "pericolosa" da questi politici.
 
Fonte: https://www.armed-services.senate.gov - Foto AFP
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa