/ Per Mosca è opportuna la presenza del figlio di Gheddafi nel proc...

Per Mosca è opportuna la presenza del figlio di Gheddafi nel processo politico libico

 

Il ministero degli Esteri russo ritiene che il figlio di Gheddafi, Seif al Islam, così come altri seguaci di suo padre, abbiano il diritto di partecipare al processo politico in Libia.


Il Vice Ministro degli Esteri russo, Mijaíl Bogdánov ha sottolineato che la Libia ha una struttura sociale tribale, in cui le posizioni di questi gruppi hanno un grande peso, e "il dottor Seif al Islam e quelli che lo sostengono" sono precisamente tribù specifiche che abitano "precise aree del paese".
 
"Sosteniamo tutti, partiamo dal fatto che nessuno dovrebbe essere isolato, al di fuori del processo politico costruttivo, è per questo che manteniamo i contatti con tutti i gruppi, con quelli nell'ovest, nell'est, nel sud", ha affermato il vice ministro.
 
Per Bogdanov, è logico che nel processo politico del paese partecipino sia i rappresentanti del "Tobruk", sia quelli di Tripoli e Misurata ".
 
 
 
Fonte: Sputnik - Foto AP
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa