Perché gli Stati Uniti continuano a intromettersi nel sud-est asiatico?

Perché gli Stati Uniti continuano a intromettersi nel sud-est asiatico?

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

di Wu Minwen - China Military

Da quando è entrata in carica, l'amministrazione Biden ha fatto di tutto per far avanzare la "strategia indo-pacifica", andando anche oltre l'amministrazione Trump. Negli ultimi mesi, una sfilza di alti politici nordamericani, tra cui il Segretario di Stato Antony Blinken, il Segretario alla Difesa Lloyd J. Austin, il Vice Segretario di Stato Wendy R. Sherman e il Vice Presidente Kamala D. Harris, hanno avuto strette interazioni con leader dei paesi del sud-est asiatico tramite visite personali o videoconferenze. La serie di mosse evidenzia il feroce tentativo di Washington di creare problemi nel sud-est asiatico e di radunare i paesi regionali per creare una coalizione anti-cinese.

In generale, il sud-est asiatico si riferisce all'area tra l'Asia orientale e l'Asia meridionale. Dopo che gli Stati Uniti hanno proposto la "strategia indo-pacifica", la loro strategia militare è tornata dall'antiterrorismo alla competizione tra i principali paesi e i paesi del sud-est asiatico hanno acquisito così tanta più importanza che l'allora presidente degli Stati Uniti Donald Trump (gennaio 2017-gennaio 2021 in ufficio) ha cercato di legarli attraverso una cooperazione militare rafforzata e altri mezzi. Dopo che il sig. Biden ha prestato giuramento come nuovo presidente all'inizio del 2021, ha ripetutamente espresso quanta importanza attribuisca alla regione e stabilito la nuova posizione relativa all'Asia.

Il malizioso piano statunitense per il sud-est asiatico ha due cardini: uno è lo strumento ideologico che legge i cosiddetti "valori della democrazia e della libertà". L'altro è lo strumento realistico che sfrutta i conflitti regionali e l'equilibrio degli interessi. Lo strumento ideologico è più superficiale, mentre lo strumento realistico è la causa principale, che esercita impatti diversi.

In primo luogo, l'interferenza esterna dell'America facendo leva sullo strumento ideologico è culminata in ripetuti fallimenti. Negli anni in cui gli Stati Uniti hanno conquistato il sud-est asiatico e hanno sostenuto i regimi di Ngo Dinh Diem e Nguyen Van Thieu nel Vietnam del Sud, hanno giocato la carta ideologica di dover tenere la regione fuori dalle mani dei comunisti ed evitare l'effetto Domino a favore del comunismo. Dopo aver vinto la Guerra Fredda, gli Stati Uniti sono diventati l'unica superpotenza al mondo con la caduta dell'Unione Sovietica e sono terminati i conflitti. Quando il famoso filosofo politico nordamericano Francis Fukuyama ha affermato la "fine della storia", Washington ha deciso di impegnarsi militarmente in Afghanistan con l'obiettivo di stabilire la democrazia in stile americano in un paese che era arretrato sotto ogni aspetto, sia politicamente, economicamente o socialmente.

Eppure il suo fallimento in Vietnam molti anni fa e il fallimento in Afghanistan oggi dimostrano entrambi che gli strumenti ideologici sono inservibili. Washington dovrebbe ascoltare George Frost Kennan, che si è opposto alla guerra del Vietnam. Ha suggerito agli Stati Uniti di non essere ossessionati dalla parola comunismo e di smettere di parlare di obiettivi ambigui e irrealistici in Estremo Oriente, come i diritti umani e la democrazia. Ora gli Stati Uniti stanno di nuovo usando lo strumento ideologico per causare problemi nel sud-est asiatico, ed è improbabile che riescano nel loro intento.

In secondo luogo, lo strumento realistico che manipola l'equilibrio degli interessi porta molte incertezze. La Cina ha sempre attuato una politica di buon vicinato nei confronti dei paesi del sud-est asiatico, che, insieme alla sua rapida crescita economica, ha portato grossi benefici. La Cina è stata il più grande partner commerciale dell'ASEAN per 10 anni consecutivi, con una stretta cooperazione economica con tutti i paesi regionali. Questa è una ragione importante per cui non vogliono schierarsi tra le due più grandi economie del mondo nonostante l'entusiasmo dell'America. Ma dobbiamo anche tenere a mente che gli Stati Uniti sono un importante partner commerciale e una fonte primaria di investimento per molti paesi del sud-est asiatico, e i loro crescenti sforzi per corteggiarli hanno rafforzato la loro influenza nella regione.

In terzo luogo, la "versione indo-pacifica della NATO" e il "multilateralismo di sicurezza nel Mar Cinese Meridionale" iniziati dagli Stati Uniti stanno prendendo forma primaria. Una delle principali differenze tra l'amministrazione Biden e l'amministrazione Trump è che la prima cerca di contenere la Cina attraverso relazioni più strette con i suoi alleati. Al momento, gli Stati Uniti sono impegnati a schierare truppe, inclusi nuovi sistemi di combattimento come UAV e sistemi intelligenti, nella regione. D'altra parte, sta mettendo insieme una "versione indo-pacifica della NATO" con paesi fuori regione come Gran Bretagna, Francia e Germania, le cui navi militari si sono alternate quest'anno nell'ingresso nel Mar Cinese Meridionale. Questi segni indicano tutti che il cosiddetto "multilateralismo di sicurezza nel Mar Cinese Meridionale" guidato dagli Stati Uniti sta prendendo forma primaria.

Tuttavia, il risultato dell'interferenza militare statunitense in Vietnam 46 anni fa ha una sorprendente somiglianza con le operazioni in Afghanistan oggi. Le persone hanno confrontato due foto, una di un elicottero che raccoglie l'ultimo gruppo di diplomatici al "Saigon moment" e che si libra sopra l'ambasciata americana nel Vietnam del Sud, e un altro elicottero che preleva diplomatici dall’ambasciata nordamericana in Afghanistan, e si riesce a malapena a distinguerle. Quarantasei anni dopo la debacle nel sud-est asiatico, gli Stati Uniti stanno ora suscitando di nuovo problemi nella regione e ciò che li attende non sarà diverso da 46 anni fa.

L'autore è membro dal College of Information and Communication, PLA National University of Defense Technology

(Traduzione de l’AntiDiplomatico)

Potrebbe anche interessarti

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire di Francesco Erspamer  Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale di Giorgio Cremaschi Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Covid 19: la situazione in Russia di Marinella Mondaini Covid 19: la situazione in Russia

Covid 19: la situazione in Russia

Per me questa è resistenza di Savino Balzano Per me questa è resistenza

Per me questa è resistenza

Caffè: i prezzi andranno alle stelle di  Leo Essen Caffè: i prezzi andranno alle stelle

Caffè: i prezzi andranno alle stelle

Il Nodo gordiano dei Taleban Il Nodo gordiano dei Taleban

Il Nodo gordiano dei Taleban

Camilla e la città di Omelas di Antonio Di Siena Camilla e la città di Omelas

Camilla e la città di Omelas

"Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund di Gilberto Trombetta "Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund

"Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund

I migranti in Libia: “Riportateci a casa” di Michelangelo Severgnini I migranti in Libia: “Riportateci a casa”

I migranti in Libia: “Riportateci a casa”

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti