/ Petroyuan, "l'arma miracolosa che aiuterÓ Pechino a vincere la gu...

Petroyuan, "l'arma miracolosa che aiuterÓ Pechino a vincere la guerra commerciale con Washington"

 

All'inizio di settembre, le forniture di greggio sono iniziate con contratti a termine in yuan che Pechino ha lanciato sul mercato a marzo.


A settembre sono iniziate le forniture di greggio sotto i contratti a termine in yuan Pechino immessi nel mercato a marzo e sono "l'arma miracolosa" della Cina nella guerra commerciale con gli Stati Uniti, secondo un'analisi dell'agenzia Prime.
 
Il 7 settembre scorso, un totale di 600.000 barili di petrolio dai marchi del Medio Oriente sono stati consegnati ai proprietari dei contratti futures per settembre, nella prima esecuzione fisica dei futures denominati nella valuta cinese.
 
"Senza guardare a Washington"
 
L'inizio delle forniture fisiche di questo peolio "è una svolta per Pechino" perché i contratti futures sono negoziati alla  Borsa Internazionale dell'Energia commerciale di Shanghai (Shanghai International Energy Exchange, SIEE) esclusivamente in yuan, ricorda l'articolo , per spiegare che l'uso di questa valuta nelle transazioni internazionali nel mercato petrolifero "è di particolare importanza durante la guerra commerciale che sta scatenando tra Stati Uniti e Cina".
 
Da un lato, le raffinerie di petrolio e le società petrolchimiche in Cina, sia pubbliche che private, possono utilizzare i futures per rifornire le loro raffinerie con le materie prime necessarie ed evitare i rischi.
 
D'altra parte, il SIEE è diventato una piattaforma internazionale in cui i partecipanti cinesi e stranieri nel mercato dell'energia possono effettuare transazioni con uno strumento di scambio liquido "senza prendere in considerazione Washington e il dollaro USA", si sottolinea nell'articolo.
 
Inoltre, gli esperti ritengono che i contratti future sul petrolio di Shanghai riflettano i fattori fondamentali (domanda e offerta nella regione Asia-Pacifico) e siano in grado di soddisfare le esigenze dell'economia reale.
 
La terza piattaforma
 
Sebbene questa vendita a termine sia iniziata solo cinque mesi fa, la sua liquidità sta crescendo a un ritmo accelerato, sottolinea l'agenzia.
 
  • Per il 31 agosto, il volume delle negoziazioni sulla borsa di Shanghai ha superato gli 11 milioni di contratti (1 contratto è di 1.000 barili), raggiungendo i 5,39 miliardi di yuan.
  • Pertanto, la cifra media era di 14.800 contratti al giorno, superando in tal senso la Borsa di Dubai (DME), che rende il SIEE la terza più grande piattaforma di trading del petrolio al mondo, dietro solo alla American NYMEX e l'ICE britannico.
 
 
"Oggi è il petrolio, domani saranno altri beni"
 
Organizzazioni internazionali influenti come l'IEA e l'OPEC riconoscono l'importanza del greggio di Shanghai per il mercato mondiale del petrolio, anche se sottolineano che è ancora troppo presto per parlarne come un benchmark mondiale paragonabile a Brent o WTI.
Tuttavia, questa valutazione sottovaluta "l'impatto dell'economia cinese sul mercato petrolifero mondiale e le ambizioni di Pechino", afferma Prime.
 
"Oggi la Cina compra petrolio con la valuta che emette, e domani lo yuan venderà gas, prodotti petroliferi, metalli e altri beni", predice Prime, sottolineando che prima solo gli Stati Uniti potevano permetterselo.
 
L'uso della valuta cinese nel mercato petrolifero potrebbe "minare la posizione del dollaro USA come principale valuta di riserva mondiale", dice l'agenzia, concludendo che il "petroyuán" diventerà "un'arma miracolosa che aiuterà Pechino a vincere la guerra commerciale con Washington".
 
Fonte: PRIME
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa