/ Portaerei USA Gerald R. Ford, costata 13 miliardi ma non può tras...

Portaerei USA Gerald R. Ford, costata 13 miliardi ma non può trasportare munizioni sul ponte

 

La nave, "in sostanza, non può essere schierata" nelle sue condizioni attuali, avverte l'ex ufficiale della Marina e membro democratico della Camera dei rappresentanti statunitense, Elaine Luria.


Solo 2 degli 11 sollevatori di cannoni sono operativi sulla nave più costosa della Marina degli Stati Uniti e del resto degli eserciti del mondo, la portaerei di ultima generazione USS Gerald R. Ford. Lo ha dichiarato questa settimana l'esponente democratica della Camera dei Rappresentanti Elaine Luria in un'intervista a Bloomberg. La nave ha avuto un costo di oltre 13 miliardi di dollari.
 
La parlamentare, che è stata un ufficiale della Marina degli Stati Uniti per 20 anni, ha affermato che in queste condizioni "la nave non può praticamente essere schierata" e la soluzione dei suoi problemi sarà un processo che richiede tempo.
 
Non è l'unica voce di allarme. Il presidente del Comitato dei servizi delle forze armate del Senato, James Inhofe, ha anche criticato la portaerei il 31 luglio scorso durante l'udienza di conferma di Michael Gilday come capo delle operazioni navali. "La nave è stata accettata dalla Marina incompleta, con quasi 2 anni di ritardo, con 2,5 miliardi di dollari in più rispetto al budget e 9 degli 11 ascensori continuano a non funzionare mentre i costi continuano a crescere", aveva spiegato Gilday, citato dal portale Task and Puprose.
 
Inhofe ha sottolineato che le nuove tecnologie - "nuovi radar, catapulta, fermacavi e sollevatori di cannoni" - che dovevano essere incorporate nella USS Gerald R.
Ford "non erano state testate e non erano mai integrate in una nave" e che la Marina ha accettato l'accordo "senza comprendere né il rischio tecnico, né i costi, né i termini".
 

Risolvere il problema "in modo sicuro ed efficiente"
 
Da parte sua, Beci Brenton, portavoce della società Huntington Ingalls, il costruttore della nave, ha dichiarato che la sua compagnia "continuerà a lavorare con i suoi partner della Marina per risolvere i problemi". Nelle sue parole, la società "si impegna" a "testare, certificare e restituire" gli 11 ascensori "in modo sicuro ed efficiente".
 
Il problema del funzionamento degli ascensori non è l'unico che ha l'USS Gerald R. Ford. A febbraio è stato annunciato che detta nave da guerra ha registrato non meno di venti guasti durante i test di decollo e atterraggio di aeromobili in mare. A ciò si aggiunge anche il fatto che il corriere non è compatibile con i jet americani Lockheed Martin F-35.
 
Fonte: Bloomberg
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa