/ Il Pentagono alla fine ammette: sono 2000 i soldati USA in Siria

Il Pentagono alla fine ammette: sono 2000 i soldati USA in Siria

 

Le forze armate statunitensi hanno finalmente ammesso che il vero numero di truppe statunitensi che sono state dispiegate illegalmente in territorio siriano è in realtà molto più alto di quanto affermato in precedenza.


Il portavoce del Pentagono, il colonnello Rob Manning, ha annunciato ieri che gli Stati Uniti mantengono in forza una forza di 2.000 soldati in Siria, circa quattro volte di più dei 503 soldati che erano stati precedentemente indicati nella comunicazione ufficiale. Tuttavia, Manning ha dichiarato che gli Stati Uniti stanno adottando un approccio "basato sulle condizioni" dedicato a ridurre gradualmente questo numero in futuro.
 
Solo il mese scorso, il Pentagono ha ribadito che il conteggio totale del personale militare statunitense era di 503, anche se le ricerche del Defense Manpower Data Center (DMDC) hanno affermato che il numero era di almeno 1.702. Il DMDC ha anche affermato che 8.992 soldati statunitensi sono ancora di stanza in Iraq, che è anche molto più del numero ufficiale del Pentagono di 5.
262.
 
Gli Stati Uniti sostengono che ridurranno gradualmente le proprie forze in Siria non appena le aree saranno "stabilizzate" e le cosiddette forze locali, ovvero le 'Forze Democratiche Siriane' a maggioranza curda (SDF), potranno prendere il controllo.
 
Tuttavia, il governo della Repubblica araba siriana ha ripetutamente accusato gli Stati Uniti di tramare per dividere il paese, per esempio tentando di dividere le zone controllate dalla SDF dalla Siria.
La presenza militare USA in Siria non è stata autorizzata dal governo siriano, né ha ricevuto un mandato dalle Nazioni Unite. In quanto tale, qualsiasi presenza militare degli Stati Uniti sul suolo siriano è in realtà illegale secondo la legge internazionale.
 
Fonte: https://www.defense.gov/
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa