/ Ricordando Fidel Castro: Nella sua mente e nel suo cuore sempre p...

Ricordando Fidel Castro: Nella sua mente e nel suo cuore sempre presenti le lotte dei popoli arabi

 

Nel suo pensiero e nel suo cuore c'era sempre uno spazio per i popoli arabi, per le loro lotte. Ed era reciproco, quando nel Medio Oriente parlano di Cuba, la prima parola, il primo pensiero Ŕ per Fidel Castro.


A due anni dalla scomparsa fisica del comandante e leader della Rivoluzione cubana, Fidel Castro, la tv libanese in lingua spagnola, Al Mayadeen, lo ha ricordato attraverso le sue parole, il suo impegno nei confronti popoli arabi, la condanna del nemico sionista, il riconoscimento del diritto alla sovranità dello Stato di Palestina.
 
Questo legame di Cuba con i popoli arabi è testimoniato dalla solidarietà attiva della Rivoluzione cubana. Infatti, le prime missioni di solidarietà internazionalista di Cuba furono effettuate in Algeria nel 1964 e in Siria nel 1973.
 
"Oggi l'imperialismo si sforza di contrastare questa situazione e con una manovra perfida cerca di dividere i paesi arabi isolano il coraggioso popolo siriano, eludere i diritti dei palestinesi e di aumentare la loro presenza e l'influenza in Medio Oriente, impone condizioni onerose di pace che meglio si adattano ai loro interessi e quelli dei loro alleati nell'aggressione contro i popoli arabi ".
 
Riferimento al testo originale: Discorso alla chiusura della terza riunione ministeriale dell'Ufficio di coordinamento dei paesi non allineati, a Santa María del Mar, L'Avana, 19 marzo 1975
 
 

"Perché gli aggressori sionisti possono anche bombardare quotidianamente i campi profughi palestinesi e le popolazioni del Libano? Chi ha dato loro questo diritto? Chi ha dato loro quel potere? Perché possono usare le armi più sofisticate di distruzione e morte? Chi le fornisce? Non vediamo in esso una prova inconfutabile del ruolo aggressivo dell'imperialismo e del tipo di ordine e di pace che vogliono per i nostri popoli? O è che quando un bambino viene ucciso, un vecchio, una donna, un adulto, un palestinese, un libanese, non si commette un crimine? Si possono differenziare questi metodi e questi concetti di concezione e metodi che la Germania nazista praticava ai suoi tempi? Tuttavia, giorno dopo giorno, le notizie di atti di genocidio di questo tipo ci arrivano anche attraverso le agenzie di stampa imperialiste come se volessero abituarci all'accettazione rassegnata e mite dei fatti. "

Riferimento al testo originale: Discorso pronunciato nella sessione inaugurale della VI Conferenza del vertice del movimento dei paesi non allineati, tenutasi all'Avana Convention Center, 3 settembre 1979
 
 
"Cito prima di tutto il popolo palestinese sofferente e coraggioso, non è stato commesso più brutale esproprio dei diritti alla pace e all'esistenza di un popolo in questo secolo. Ed è ben chiaro che non siamo fanatici. Il movimento rivoluzionario è stato sempre educato nell'odio alla discriminazione razziale e ai pogrom di ogni tipo, e dal profondo delle nostre anime, ripudiamo con tutte le nostre forze la spietata persecuzione e il genocidio che il nazismo scatenò contro il popolo ebraico a suo tempo, ma non ricordo nulla di più simile in la nostra storia contemporanea che la persecuzione e il genocidio compiuti dall'imperialismo e dal sionismo contro il popolo palestinese, spogliati delle loro terre, espulsi dalla loro stessa patria, dispersi in tutto il mondo, perseguitati e uccisi, gli eroici palestinesi sono un esempio impressionante di abnegazione e patriottismo, e sono il simbolo vivente del più grande crimine del nostro tempo."
 
Riferimento al testo originale: Discorso pronunciato alla sessione inaugurale della VI Conferenza del vertice del movimento dei paesi non allineati, 3 settembre 1979
 
 
 
 "La base della pace giusta nella regione  inizia con il ritiro completo e incondizionato di (Israele) da tutti i territori arabi occupati e con la restituzione per il popolo palestinese di tutti i territori occupati e il ripristino dei loro diritti nazionali inalienabili, tra cui il diritto al ritorno in patria, all'autodeterminazione e alla creazione di uno stato indipendente in Palestina, in conformità della risoluzione 3236 dell'Assemblea Generale. Ciò implica l'illegalità e l'invalidità delle misure adottate da (Israele) nei territori palestinesi occupati arabi così come la creazione di colonie o insediamenti sulla terra palestinese e di altri territori arabi, il cui smantellamento immediato è un requisito per la soluzione di problema."

Riferimento per il testo originale: Discorso alla Sessione XXXIV dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite, 12 Ottobre 1979
 
 

"La causa palestinese non è mai sembrata più giusta che in contrasto con la brutalità ripugnante dei suoi avversari. L'umanità non dimenticherà l'eroismo degli assaliti o la barbarie degli aggressori. È drammatico che il popolo ebraico, che ha suscitato compassione universale e simpatia quando Hitler lo ha minacciato di sterminio, è stato guidato dal sionismo a impegnarsi in questo genocidio folle. Ciò spiega perché, nella propria (Israele) sorse un grido per la pace e la richiesta di punizione per i responsabili di questi omicidi."

Riferimento al testo originale: Discorso pronunciato alla VII Conferenza del vertice del movimento dei paesi non allineati, presso il Palazzo della Cultura di Nuova Delhi, India, 7 marzo 1983
 
 

"Si ponga fine al più presto possibile al genocidio del popolo palestinese, che si svolge davanti agli occhi attoniti del mondo. Proteggere il diritto elementare alla vita dei suoi cittadini, della loro gioventù e dei loro figli. Rispetta il loro diritto all'indipendenza e alla pace, e non c'è nulla da temere dai documenti delle Nazioni Unite."

Riferimento per il testo originale: Discorso alla Sessione Plenaria della Conferenza mondiale contro il razzismo, la discriminazione razziale, la xenofobia e l'intolleranza, Durban, Sud Africa, Form 1 SETTEMBRE 2001
 

 
"(Israele) un gendarme in Medio Oriente, che oggi minaccia una parte considerevole della popolazione mondiale ed è in grado di agire con l'indipendenza e il fanatismo che lo caratterizzano".

Riferimento al testo originale: Riflessione: "The Stalking Lurking", 10 giugno 2010
 


 
"Non si tratta del legittimo diritto del popolo israeliano a vivere e lavorare in pace e libertà, è proprio il diritto degli altri popoli della regione alla libertà e alla pace".

Riferimento al testo originale: Riflessione: "Cinismo genocida" (seconda e ultima parte), 13 novembre 2011
 
"Non è solo che i missili puntano a obiettivi militari in Siria, ma quel coraggioso paese arabo, situato nel cuore di oltre un miliardo di musulmani, il cui spirito combattivo è proverbiale, ha dichiarato che resisterà fino all'ultimo respiro contro qualsiasi attacco nel suo paese."
 
Riferimento al testo originale: Riflessione: "La falsada falsada", 27 agosto 2013

 
 
"Il nostro mondo sta vivendo un momento eccezionale e unico, ogni giorno è maggiore il numero di persone che sono in attesa della morte.
Tra tali eventi, uno dei più drammatici è il genocidio che si svolge nella Striscia di Gaza, dove 1, 8 milioni di persone vivono rinchiusi tra il deserto, il mare e la potenza militare di un paese del Medio Oriente, dove il più potente impero che è mai esistito ha mai creato da più di più di mezzo secolo, e ad un costo, in base alle alcune stime si avvicina un centinaio di miliardi di dollari, una sofisticata potenza militare nucleare e irresponsabile, alle volte molti si chiedono: chi governa chi, gli Stati Uniti (Israele) o (Israele) gli Stati Uniti "?

Riferimento al testo originale: La vera amicizia, 20 agosto 2014
 
 
Fonte: Al Mayadeen
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa